HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidio Siracusa: arrestato l’assassino di Giuseppe Scarso, è un diciottenne

Omicidio Siracusa: arrestato l’assassino di Giuseppe Scarso, è un diciottenne

di

Giuseppe Scarso, un pensionato di Siracusa è stato bruciato vivo. Fermato un giovane appena diciottenne che ha parlato di un gioco. Emesso un provvedimento nei confronti di un altro ragazzo.

C’è una svolta importante nel caso di Giuseppe Scarso, il pensionato 80enne di Siracusa bruciato vivo. L’uomo è stato aggredito nella sua abitazione da alcuni ragazzi e poi dato alle fiamme. La polizia ha disposto il fermo di un 18enne e di un altro che è ancora latitante. È stato identificato anche un terzo soggetto, ma sarebbe solo indagato. Per tutti l’accusa è di omicidio aggravato da futili motivi e reiterazione delle vessazioni nei confronti della vittima, non era la prima volta che i ragazzi si introducevano nella casa dell’anziano.

Poca gente ai funerali di Giuseppe Scarso che si sono tenuti oggi. L’80enne si è spento per un arresto cardiaco all’Ospedale Cannizzaro di Catania, dove era stato trasportato agonizzante lo scorso 30 settembre. La comunità si interroga sui motivi che hanno spinto i giovani ad aggredire l’anziano. Secondo fonti investigative pare che uno di loro appartenga ad una famiglia ben vista. Come dicevamo, la notte dell’incidente non era la prima in cui i bulletti aggredivano Giuseppe Scarso. Grazie all’inchiesta partita dopo l’ultima aggressione è stato possibile ricostruire l’intera vicenda. Qualche settimana prima della tragedia gli indagati si erano introdotti altre due volte a casa dell’anziano per molestarlo. Gli avevano anche gettato dell’alcol bruciandogli un orecchio.

Per gli inquirenti la situazione è sfuggita di mano ai ragazzi, un gioco perverso frutto di una ragazzata. Quello che desta preoccupazione però è il silenzio in cui sembra essere calata la città dopo la morte di Giuseppe Scarso, vani sino a questo momento i tentativi di convincere chi ha visto qualcosa a parlare.

Lascia un commento

Back to Top