HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaOmicidio-suicidio in famiglia: fratello del sindaco uccide la madre e si toglie la vita

Omicidio-suicidio in famiglia: fratello del sindaco uccide la madre e si toglie la vita

di

Paolo ChiarioniHa scosso tutti gli abitanti di Santa Maria Maddalena e Occhiobello il gesto estremo di Paolo Chiarioni, 64 anni, il quale ha ucciso l’anziana madre, Leda Bianchi, 88 anni, per poi togliersi la vita

Paolo Chiarioni era conosciuto in tutto il paese di Occhiobello perchè fratello maggiore del sindaco, Daniele Chiarioni. Nessuno avrebbe mai immaginato che il 64enne, da qualche anno in pensione, potesse fare del male alla sua mamma per poi suicidarsi.

La tragedia si è consumata nella casa di via Luciano Lama a Santa Maria Maddalena che l’uomo condivideva con la mamma. Secondo una prima ricostruzione del caso, Paolo avrebbe soffocato l’anziana donna con un sacchetto per poi stringersi intorno al collo una corda e strangolarsi.

A trovare i due corpi senza vita sarebbe stata la compagna di Chiarioni, preoccupata di non aver sentito il pensionato per diverse ore. Una volta entrata in casa, l’orribile e inaspettata scoperta dei cadaveri, trovati ognuno nella propria stanza. Inutile è stato il tentativo di rianimare l’uomo, purtroppo già deceduto da tempo.

Un omicidio-suicidio che ha sconvolto tutti: “Lei si muoveva pochissimo, aveva male alle ginocchia. Ogni tanto si sentiva quando parlavano fra di loro e spesso scherzavano, facevano battute su quello che vedevano in tv e non solo. Insomma, un fatto inaspettato, incredibile”, ha commentato Loredano Zampini, l’ex presidente della Camera di Commercio di Rovigo e anche vicino di casa delle vittime.

“La madre aveva subito tempo fa un intervento al ginocchio e lui, che viveva assieme alla mamma, la assisteva ogni giorno. Non posso dire che lo conoscevo benissimo, ma era una persona assolutamente normale”, ha raccontato una vicina ad Estense.com.

Dunque, stando alle prime indiscrezioni, la donna aveva seri problemi di deambulazione, era costretta su una sedia a rotelle ed era quotidianamente controllata ed assistita dal figlio Paolo. E’ forse a causa della sofferenza continua della mamma che il 64enne avrebbe deciso di farla finita? Per il momento il movente di questo triste omicidio-suicidio resta sconosciuto ed è per questo che le indagini dei carabinieri sono ancora in corso.

 

Lascia un commento

Back to Top