HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidio Varani, il padre di Foffo: “Chiedo perdono ai familiari di Luca”

Omicidio Varani, il padre di Foffo: “Chiedo perdono ai familiari di Luca”

di

Luca VaraniA chiedere perdono per quello che Manuel Foffo e Marco Prato hanno fatto a Luca Varani è stato Valter Foffo, il quale prova immensa amarezza per tutta questa assurda e dolorosa storia

Valter Foffo vuole chiedere scusa ai genitori di Luca Varani: “Chi ci vede per strada ormai ci grida dietro: ‘Assassini’. E’ una vergogna. Io ora, però, voglio solo incontrare la famiglia di quel ragazzo. Ci incontreremo sicuramente nei prossimi giorni. Chiederò loro scusa. Ci sono tre famiglie che hanno visto la loro esistenza andare in frantumi. Siamo tutti disperati. Il dolore è tanto”.

Qualche parola è stata spesa anche per il figlio, il quale, secondo il padre, ha rovinato la sua vita a causa della cocaina: Non sapete i calci che gli darei in questo momento. Il mio Manuel sta completamente fuori di testa. Manuel è la dimostrazione lampante che si può letteralmente impazzire per la troppa droga assunta. Deve essere così, non so darmi altre spiegazioni. Giuro che ci ho pensato e ripensato ma solo la cocaina può essere all’origine del Male. E’ un dramma”.

Lo stesso Manuel aveva dichiarato di aver ucciso Luca Varani per sfogare tutta la rabbia che aveva nei confronti del padre. In base a quanto dichiarato dal giovane, quest’ultimo avrebbe voluto uccidere il genitore. Perchè? Secondo le prime indiscrezioni, Manuel avrebbe raccontato di sentirsi escluso dalla vita, anche lavorativa, del padre, il quale avrebbe preferito il fratello maggiore, Roberto Foffo.

A questo proposito Valter Foffo ha dichiarato: “Leggete gli atti, non c’è scritto da nessuna parte tutto ciò, io non ho mai avuto preferenze tra i due figli”.

La madre di Manuel si è invece barricata in casa e per il momento non avrebbe rilasciato molte dichiarazioni: “Non ho nulla da dire, lasciatemi in pace, non dico niente, sto male, basta”.

Fonte: Tgcom24 e Il Messaggero

Lascia un commento

Back to Top