HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti StradaliNewsOmicidio Zakir Hossain: Identificati i quattro ragazzi

Omicidio Zakir Hossain: Identificati i quattro ragazzi

di

Zakir HossainL’aggressore di Zakir Hossain è stato finalmente identificato. E’ un tunisino di 27 anni, non un uomo italiano come si era ipotizzato inizialmente, e si chiama Hamza Hamrouni. Il branco dei quattro ragazzi ripresi dalle telecamere di sicurezza urbana sono stati individuati grazie a facebook

Il grande aiuto agli investigatori è stato per questo caso il noto social network attraverso il quale si sono velocemente diffuse le immagini dell’aggressione di Zakir Hossain.

I quattro ragazzi sono stati descritti come un gruppo di balordi che andava in giro appositamente per scontrarsi e litigare con chiunque. Molto probabilmente lo scontro con Zakir Hossain è avvenuto per futili motivi ed il movente razzista e stato già escluso. Ad essere stata esclusa è anche l’ipotesi del “knockout game”, una moda giovanile che consiste nel colpire senza alcun motivo qualsiasi passante per poi fuggire.

Il gruppo ripreso dalle telecamere è formato tutto da italiani escluso il “leader” Hamrouni Hamza che è ora accusato di omicidio preterintenzionale. L’uomo avrebbe infatti insultato Zakir Hossain con una frase pronunciata in arabo.

L’aggressore che vive a Pisa da oltre dieci anni parla sia l’arabo sia l’italiano ed è per questo che le indagini degli inquirenti si sono inizialmente complicate anche perchè secondo alcuni testimoni il gruppo era composto esclusivamente da uomini di origine italiana.

Hamrouni Hamaza aveva lasciato l’Italia fuggendo in Tunisia con un volo da Malpensa il giorno dopo aver colpito la vittima, forse perchè era stato informato o perchè aveva appreso dai media di aver causato il decesso di Zakir con quel cazzotto.

Il sindaco di Pisa Marco Filippeschi si è poi rivolto alla comunità bengalese pisana dicendo: “Tutta la città sarà con voi per chiedere giustizia e verità per Zakir, vittima di un atto di violenza assurdo che deve quanto prima avere una spiegazione e dei colpevoli”.

Lascia un commento

Back to Top