HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOscar Pistorius, continua il processo
Oscar Pistorius

Oscar Pistorius, continua il processo

di

Continua il processo ad Oscar Pistorius: le ultime dichiarazioni dell’atleta e la diretta video

Aggiornamento 14 maggio 2014, 10.20: è successa una svolta nel processo ad Oscar Pistorius.Oscar Pistorius

l giudice Masipa ha deciso di sottoporre l’atleta paralimpico a una perizia psichiatrica per meglio potersi assicurare che possa ottenere un processo equo e anche per accertare un possibile disordine mentale del giovane che possa risultare in una sua non responsabilità criminale.

La decisione, secondo il giudice, è stata presa dopo la testimonianza dello psichiatra Merryll Vorster, che in una sua vecchia udienza aveva spiegato come Pistorius soffrisse di ansia e come questo potrebbe, forse, spiegare la sua reazione eccessiva a una situazione di pericolo

Un disordine mentale, secondo Vorster, che potrebbe aver scaturito nell’amputazione degli arti inferiori, quando Pistorius era ancora un bambino, e nell’abitudine di sua madre di dormire con una pistola sotto al cuscino.

Nel corso della sua vita Pistorius non avrebbe mai potuto tenere sotto controllo l’ansia con livelli sempre più elevati nel corso degli anni.

Il processo è stato aggiornato alla settimana prossima, martedì 20 maggio.

13.10: uno dei momenti più drammatici per questa nuova udienza del processo ad Oscar Pistorius quando è stato mostrata in aula le foto del cranio fracassato di Reeva Steenkamp e ha spiegato all’atleta,come la testa della sua fidanzata sia esplosa: Oscar Pistorius ha visto coi propri occhi le condizioni del corpo della giovane modella.

L’immagina è stata quindi subito e rimossa dallo schermo prima che la Corte si aggiornasse per la pausa pranzo.

Aggiornamento 9 aprile, ore 9:45 – Continua il processo ad Oscar Pistorius. Nel video in alto la diretta streaming con l’audio. La testimonianza dell’atleta:”Ho provato a fermare con le mani il sangue che usciva dal corpo di Reeva, le ho messo una mano in bocca per farla respirare. Ero nel panico in attesa dei soccorsi medici”.

 

 

 

 

Lascia un commento

Back to Top