HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsOmicidi in FamigliaOscar Pistorius news dal processo
Oscar Pistorius

Oscar Pistorius news dal processo

di

Il 28 marzo il processo era stato sospeso per permettere alla difesa di preparare la testimonianza di Oscar Pistorius

Aggiornamento delle ore 12:30Oscar Pistorius

Oscar Pistorius ha testimoniato durante il processo in cui è stato accusato per aver ucciso la sua fidanzata (avvenuto il 14 febbraio 2013) con la sentenza di omicidio volontario e ha dichiarato:

“Mi scuso con la famiglia di Reeva, volevo solo proteggerla. Non riesco a immaginare il dolore che vi ho causato”

L’atleta ha detto di aver capito il vuoto che ha creato, il dolore che ha creato nella vita dei famigliari e ormai la morte della donna è incolmabile.

Nelle due ore di testimonianza, Pistorius, sempre con una voce rotta e affranta dal pianto, ha confessato che la notte si sveglia sentendo l’odore del sangue ed è molto terrorizzato, ha decisamente paura di dormire e ha una guardia del corpo fuori dalla sua camera.

Ha detto di non volere mai più in casa un’arma da fuoco e che durante il giorno è costretto ad andare avanti con gli psicofarmaci.

Il giudice è stato pertanto costretto a interrompere l’udienza e a poterla rinviare a domani.

L’atleta paralimpico ha ucciso la fidanzata, la modella Reeva Steenkamp, durante il giorno più bello per gli innamorati, San Valentino dello scorso anno e l’accusa ritiene che l’omicidio sia volontario, l’atleta si difende con una versione fornita dalla polizia secondo cui avrebbe sparato alla ragazza che era chiusa in bagno credendo che fosse un ladro.

Ampio spazio agli esperti che hanno esaminato la scena del crimine e a loro è stato chiesto di dare la luce se effettivamente la modella sia morta prima del colpo di pistola esploso oppure quando sia stata colpita dal quarto, quello al cranio.

Durante le scorse settimane Pistorius è apparso molto provato vedendo le immagini del cadavere della sua fidanzata, ha vomitato in aula quando sono state scattate dagli inquirenti subito dopo essere giunti sul posto e  sono state proiettate per sbaglio da un tecnico che stava cercando quelle inerenti alla discussione in corso.

 

 

Lascia un commento

Back to Top