HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiParma: Antonio Leporace, pestato a sangue ed ucciso

Parma: Antonio Leporace, pestato a sangue ed ucciso

di

Il corpo del pregiudicato Antonio Leporace è stato ritrovato in un torrente a S.Andrea di Torrile, a 15km da Parma

Pestato con calci e pugni fino a sfigurarlo e poi investito da un auto, così è morto il 45enne Antonio Leporace.

A vedere il corpo senza vita dell’uomo, lasciato in mezzo alla vegetazione è stato un passante e successivamente l’allarme è stato lanciato dal custode di una chiesa vicina al luogo del ritrovamento. Leporace è stato ritrovato senza documenti e ovviamente inizialmente è stata molto difficile l’identificazione del cadavere a causa delle profonde ferite sul viso.

Secondo le prime ricostruzioni, Antonio Leporace sarebbe stato ucciso intorno alle 23,00 del 1 novembre 2013 da un gruppo di persone. Il custode della chiesa avrebbe infatti sentito delle urla provenienti dal luogo del delitto ma non avrebbe dato troppo peso alla cosa dato che quel posto è spesso frequentato da coppiette.

parmaL’uomo aveva diversi precedenti penali legati soprattutto al mondo della droga,  ma non è chiaro il motivo per cui si trovasse proprio in quel luogo così disabitato.

Probabilmente dopo aver scontato la sua pena in carcere ed essere uscito di prigione solo quattro mesi fa, ha ripreso i legami con la malavita che gestisce la droga e forse proprio in quel luogo è avvenuta una trappola che si è rivelata essere mortale.

A Parma nell’ultimo anno è aumentato il numero di omicidi. L’ultimo caso risale a luglio, precisamente il 16 del mese, quando era stata ritrovata del suo appartamento senza vita una giovane 21enne peruviana, Michelle Campos, uccisa a martellate dal suo fidanzato.

Sono sei in totale gli omicidi avvenuti nella provincia di Parma, ed oltre al caso della giovane Campos, quello più efferato resta l’omicidio di Antonio La Penna che venne ucciso a causa di sette colpi di pistola all’interno di un bar provenienti dalla pistola di Antonio Muto, che colpì ferendola, anche la cassiera.

Lascia un commento

Back to Top