HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsParolisi, contro l’uomo gravi indizi attendibili

Parolisi, contro l’uomo gravi indizi attendibili

di

Secondo i giudici Salvatore Parolisi ha mentito sull’omicidio di Melania Rea, ha ucciso la moglie per poter proseguire il rapporto con la sua amante

Nessuno dei testimoni avrebbe visto l’uomo e la figlia nei pressi delle altalene dove Parolisi ha sempre detto di trovarsi mentre la moglie veniva ammazzata con ben 35 coltellate: “..tutte le persone presenti hanno avuto modo di vedersi e ricordare di essersi viste reciprocamente, ma nessuno ha visto Parolisi e la figlia nei pressi delle altalene e ciò conduce alla logica conclusione che non ci fossero.”

Per i giudici: “..ha reso dichiarazioni incontestabilmente mendaci anche sul suo rapporto coniugale, nascondendo la relazione sentimentale che, ininterrottamente, da circa due anni, intratteneva con un’ex allieva conosciuta in caserma, tale Perrone Ludovica”.

L’omicidio è stato quasi uno sfogo di rabbia, e la capacità di aggressione è tale da poterla riconoscere in un istruttore dell’esercito.

Per Parolisi sono state depositate le motivazioni per la sentenza di secondo grado, che ha visto già condannare l’imputato a 30 anni di carcere per il delitto commesso: “Per ora so solo che si tratta di motivazioni corpose. Nei contenuti le dobbiamo sviluppare, sicuramente nei termini previsti dei 45 giorni presenteremo ricorso in Cassazione.”

parolisiI giudici hanno ancora dichiarato: “Gli indizi contro Salvatore Parolisi sono gravi e consistenti, cioè resistenti alle obiezioni, e quindi attendibili e convincenti. Nel caso in esame la regola di giudizio va necessariamente posta in relazione con l’indubbio carattere indiziario del compendio probatorio raccolto nel giudizio di primo grado.”

Questi motivi, scritti in 148 pagine, non piacciono ai legali di Parolisi che sono intenti a non rilasciare nessuna dichiarazione fino a che non avranno letto tutto in modo ben approfondito. L’avvocato Biscotti però ha già annunciato il ricorso in Cassazione.

Nel frattempo Salvatore Parolisi continua ad essere rinchiuso nel carcere Castrogno, in provincia di Teramo.

Lascia un commento

Back to Top