HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaPasquale Laurendi, uccide moglie e suocera con un coltello

Pasquale Laurendi, uccide moglie e suocera con un coltello

di

Un duplice omicidio è avvenuto nelle ultime ore a Reggio Calabria. Il 55enne Pasquale Laurendi ha ucciso la moglie Antonia Latella, 53 anni, e la suocera Antonia Cicciù, 83 anni, per poi scappare sulla Strada Statale 106. L’uomo è stato arrestato mentre era in fuga

polizia scientificaIn queste ore si è dato il via ad una vera e propria caccia all’uomo terminata con un arresto. Ad essere il protagonista di questa incredibile e triste vicenda è Pasquale Laurendi il quale ha ucciso la moglie e la suocera per poi fuggire per cercare di allontanarsi dalla città. Il 55enne è stato fortunatamente intercettato e fermato dagli uomini delle Volanti sulla statale 106.

Pasquale Laurendi è stato poi portato nella questura di Reggio Calabria per essere sottoposto ad un interrogatorio. Ora l’uomo è accusato di duplice omicidio ma non è stato ancora reso pubblico il movente di questo efferato delitto. Probabilmente la tragedia è però scaturita dopo una furiosa lite avuta proprio con entrambe le vittime con le quali da tempo Pasquale Laurendi aveva diversi dissapori.

Ad allertare i carabinieri dopo aver sentito delle grida sono stati i vicini di casa delle vittime che potrebbero inoltre essere a conoscenza di elementi utili alle indagini. Una volta giunti sul posto, gli esperti avrebbero rinvenuto in cucina i cadaveri delle donne che erano riverse per terra in un lago di sangue. Inoltre, al momento del duplice omicidio pare essere stato confermato che i figli della coppia non erano in casa.

Antonia Latella e Antonia Ciucciù sono state uccise con numerose coltellate e forse sono state colpite anche con un candelabro. A dare conferme riguardanti il decesso sarà l’autopsia che sarà svolta sui corpi senza vita delle vittime nei prossimi giorni.

Intanto le indagini continuano per poter ricostruire l’esatta dinamica dei fatti e confermare il movente di questo doppio e brutale femminicidio.

Lascia un commento

Back to Top