HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiOmicidi in FamigliaPavia: ottantenne non vedente uccide la moglie e tenta il suicidio
pavia

Pavia: ottantenne non vedente uccide la moglie e tenta il suicidio

di

Un pensionato ottantenne non vedente da alcuni anni ha ucciso la moglie strangolandola. Ora è ricoverato presso il reparto di chirurgia del San Matteo perché ha tentato il suicidio ingerendo un liquido solitamente impiegato per sturare i tubi del lavandino. Ai soccorritori ha confessato che ha aiutato la donna a morire.

paviaG.L. nonostante il ricovero in ospedale è in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario. Sua moglie, L.B. di 75 anni invece non ce l’ha fatta. Secondo l’analisi del medico legale l’uomo ha strangolato la donna prima con le mani e poi con una cintura ritrovata nei pressi del letto. Quando la badante che si occupava dei due anziani coniugi è entrata nell’appartamento ha trovato l’uomo steso sul letto in preda a forti dolori, accanto a lui c’era la moglie priva di vita.

L’ottantenne, ormai cieco da circa 40 anni, ha aspettato che andasse via la badante del turno di notte per agire. Quello che più stupisce in tutta questa vicenda sono le poche parole che ha pronunciato l’assassino con la forza che gli rimaneva: «L’ho solo aiutata a morire».

I due anziani coniugi stavano insieme da 53 anni e il gesto appare inspiegabile agli occhi dei vicini e del figlio. Purtroppo da qualche tempo alla donna era stato diagnosticato il morbo di parkinson. Si era sempre presa cura del marito ma nelle ultime settimane le sue condizioni di salute erano improvvisamente peggiorate, così tanto da chiedere l’intervento di due badanti. E’ bastato questo per far scattare la follia omicida nell’anziano che ha tentato di porre fine anche alle sue sofferenze ingerendo del liquido per sturare le condutture del bagno e tentando di strangolarsi con la stessa cintura utilizzata per uccidere la moglie.

Probabilmente temeva di rimanere da solo o che sua moglie potesse soffrire a causa della malattia. Il magistrato di turno ha aperto un fascicolo nonostante il delitto sia avvenuto in un contesto disperato, predisponendo il fermo dell’uomo.

Fonte: La provincia pavese

Lascia un commento

Back to Top