HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Mostro di FirenzePietro Pacciani: a 15 anni dalla morte qualcuno ha chiesto i suoi resti

Pietro Pacciani: a 15 anni dalla morte qualcuno ha chiesto i suoi resti

di

Una persona ma forse anche più individui, le cui identità sono sconosciute hanno richiesto i resti del corpo di Pietro Pacciani, le richieste sono state tutte respinte

pietro-paccianiNel luglio del 2013 a 15 anni, come da prassi, dalla morte il cadavere di Pietro Pacciani fu esumato, oggi una persona di cui però non si conoscono le generalità ha presentato una domanda ufficiale per avere quello che resta del presunto Mostro di Firenze.

A renderlo noto è stato il Comune di San Casciano Val di Pesa che però non ha fornito ulteriori dettagli in merito alla richiesta. I resti di Pietro Pacciani sono attualmente in una cassetta zincata e tra non molto dovrebbero finire in un ossario comune.

Neanche le figlie avevano mai avanzato in tutti questi anni pretese sui resti di quel padre violento e molto chiacchierato. La richiesta però è stata respinta dal comune di San Casciano, resta il fitto mistero su chi e perchè abbia richiesto quelle ossa. Ovviamente non si tratta di un membro della famiglia, altrimenti la richiesta sarebbe stata accolta, ma di una persona esterna completamente.
Ma questa persona non è la sola a volere quei resti, anche altri soggetti avrebbero nei mesi scorsi sondato il terreno con il comune di San Casciano che ha sempre respinto le richieste.

Probabilmente alcune figure ritengono quelle ossa interessanti ai fini di studio, come il famoso Cesare Lombroso. Si mormora anche di un Centro Studi tedesco e anche di un noto Ateneo Italiano.
Pietro Pacciani morì nella sua abitazione di Mercatale alla viglia di un nuovo processo che lo voleva imputato insieme agli altri compagni di merende, Vanni e Lotti, come autore materiale dei delitti ascivibili al Mostro di Firenze.

Ad oggi quella del Mostro di Firenze è una vicenda molto complessa sia dal punto di vista investigativo che giudiziario. Seppure tre gradi di giudizio hanno stabilito con certezza che il Mostro era in realtà un gruppo di amici che nelle notti di novilunio si trasformava in branco per ammazzare povere coppiette indifese con a capo proprio Pietro Pacciani.
Questa verità giudiziaria non ha però mai convinto del tutto sia illustri personaggi sia l’opinione pubblica, e molti autorevoli avvocati e criminologi ritengono addirittura Pietro Pacciani completamente estraneo alla vicenda del Mostro.

Lascia un commento

Back to Top