HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsPietro Sarchié, funerali fissati per domenica

Pietro Sarchié, funerali fissati per domenica

di

Domenica alle 15:30, nella chiesa San Filippo Neri a San Benedetto del Tronto, si svolgeranno i funerali di Pietro Sarchié, il commerciante di pesce che aveva fatto perdere le sue tracce il 18 giugno tra Seppio di Pioraco e Sellano di Camerino, per poi essere ritrovato senza vita il 5 luglio, ucciso e carbonizzato a causa di quella che sembra a tutti gli effetti un’esecuzione

Pietro-Sarchiè

Nel frattempo, gli inquirenti continuano a investigare sulla morte di Sarchié ma le prime risposte si avranno solo a partire dal 20 gennaio 2015, quando avrà termine l’incidente probatorio che consentirà di acquisire nuovi elementi sia sul corpo della vittima che sul materiale rinvenuto nel luogo del ritrovamento e avrà il via l’udienza accusatoria dove accusa e difesa si troveranno faccia a faccia durante il quadro accusatorio.

L’unica certezza, a tre mesi dalla morte, è che non si sa quale possa essere stato il movente che abbia spinto l’assassino a infierire con così tanta crudeltà su un uomo a pochi mesi dal raggiungimento della pensione – si sarebbe ritirato a settembre –  e ben voluto dall’intera comunità della provincia del maceratese.

La speranza generale è che, sebbene l’inchiesta brancoli nel buio, le forze dell’ordine riescano a individuare, catturare e far scontare la pena al killer.

Domenica, dopo tanto penare, il corpo di Pietro Sarchié potrà avere il funerale che merita. Jennifer, figlia della vittima, ha dichiarato in tal proposito “Finalmente potremo dare una sepoltura a mio padre. Alle 14.30 inizierà la veglia di preghiera, poi sarà celebrata la santa messa per la cerimonia funebre.

Lui ha solo avuto una sepoltura di cattiveria e basta. Chi ha commesso questo atroce delitto non la passerà liscia, noi cercheremo verità e giustizia. Gli staremo col fiato sul collo finché non saranno processati, devono andare dentro con una pensa esemplare.

Ci deve essere la certezza della pena. Sono passati tre mesi è ora che la gente parli, per avere delle risposte. Dobbiamo sapre il più possibile riguardo a quuesta cosa serve anche a voi per mandare via questa gente. mio padre non meritava questa cosa.”

Lascia un commento

Back to Top