HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsOmicidi in FamigliaPordenone: madre e figlia massacrate con l’accetta, il movente in dissidi familiari

Pordenone: madre e figlia massacrate con l’accetta, il movente in dissidi familiari

di

Pordenone: sono in corso le indagini sul duplice omicidio di Pordenone, il fatto di sangue accaduto lunedi in un appartamento del centro cittadino; le vittime sono madre e figlia di nazionalità cinese:  Shuie Yang di 49 e Haiyan Wang di 22 anni. Il dirigente della Squadra Mobile di Udine Massimo Olivotto ha dichiarato: «Il movente del delitto non è ancora stato accertato con precisione: si tratterebbe comunque di dissidi e di intrecci di natura familiare probabilmente aggravati da motivi economici».

L’autore del brutale omicidio è  Yongxin Wu, il consuocero di Shuie Yang, l’uomo residente a Milano ha raggiunto lunedi l’abitazione dei parenti che abitavano a Pordenone, cioè la suocera di suo figlio e la campagna di questi dalla quale ha avuto due bambini; la giovane coppia non era però regolarmente sposata e questo non piaceva a Yongxin Wu, infatti gli inquirenti ipotizzano che questo particolare potrebbe essere uno dei moventi, o il movente principale del massacro.

L’aggressione alle due donne che in quel momento erano da sole in casa è avvenuta in tarda serata mentre si apprestavano a cenare; ed è stata di una violenza inaudita, gli agenti si sono trovati di fronte ad una scena da film horror, con sangue ovunque e Haiyan Wang,  la  più giovane delle due donne praticamente decapitata;  le vittime presentavano ognuna più di 20 ferite per lo più inferte a al collo e agli arti con un’accetta da cucina del tipo usata dai macellai.  Yongxin Wu il 58enne assassino è stato rinchiuso nel carcere del Castello. In seguito in Tribunale è stato effettuato l’interrogatorio  di garanzia e l’udienza di convalida del fermo.

Lascia un commento

Back to Top