HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsAntonio Cangialosi: nessun processo per la morte di Matilda
Cangialosi

Antonio Cangialosi: nessun processo per la morte di Matilda

di

Antonio Cangialosi non dovrà tornare a processo per l’omicidio della piccola Matilda

Aggiornamento 3 giugno 2014, ore 19.18 Il gip di Vercelli Paolo Bargero ha confermato proprio oggi pomeriggio il non luogo per iniziare i procedimenti nei confronti di Antonio Cangialosi per la morte della piccola Matilda.Cangialosi

Il non luogo a procedere era stato quindi revocato all’uomo dopo la sua assoluzione della ex-compagna, madre di Matilda, Elena Romani, e la procura aveva chiesto il rinvio a giudizio.

Pertanto si riaprono a sorpresa le indagini proprio sulla morte della piccola Matilda, la bimba di appena 2 anni che è stata uccisa in un’abitazione di Roasio (Vercelli), nell’estate 200

La decisione è arrivata dal gup di Vercelli che ha quindi revocato la sentenza di non luogo a procedere nei confronti di Antonio Cangialosi, ex compagno della madre della bimba, e poi disposto la riapertura delle indagini.

Il pm avrà a sua disposizione sei mesi di tempo per accertare la verità.

La bimba fu uccisa il 2 luglio 2005: un violento calcio le spappolò milza e fegato, uccidendola in pochi istanti.

Per quel delitto furono indagati lo stesso Cangialosi e la madre della piccola, Elena Romani.

Si pensava prima alla madre e Cangialosi venne prosciolto.

La donna, che dal canto suo si è sempre dichiarata innocente, è finita sotto processo e dopo tre gradi di giudizio venne definitivamente assolta da quella terribile accusa.

Questo è stato stabilito , dopo aver assolto l’imputata, fu decisione dei giudici della Corte d’Assise di Novara nel novembre 2007, poi quelli della Corte d’Appello di Torino nel dicembre 2009 e infine la Corte di Cassazione nel 2011.

Se pertanto non fu Elena Romani ad uccidere la piccola Matilda, i sospetti si concentrano sull’unica altra persona che è presente in casa in quel momento: Antonio Cangialosi, ovvero l’ex compagno della donna e proprietario dell’abitazione in cui è quindi avvenuto il delitto.

Cosa è veramente successo quel giorno?

Lascia un commento

Back to Top