HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsRagazzino seviziato con un tubo di aria compressa: “Sei grasso, ora ti gonfio di più”

Ragazzino seviziato con un tubo di aria compressa: “Sei grasso, ora ti gonfio di più”

di

ragazzinoNel napoletano un ragazzino di 14anni è stato brutalmente aggredito e torturato con un tubo di aria compressa. Dopo sette ore di operazione alla vittima è stato asportato il colon ed ora sembra non essere in pericolo di vita

Lo hanno preso in giro, lo hanno deriso per il suo peso, poi gli hanno abbassato i pantaloni, lo hanno steso per terra e gli hanno infilato nel retto un tubo di aria compressa con cui si puliscono le auto o si gonfiano pneumatici, che è arrivato fino all’intestino. Sono bastati pochi secondi per perforare la milza e parte del colon del ragazzino.

“Molti la vogliono far passare come una bravata, uno scherzo finito male – ha detto la madre del 14enne – ma i tre che hanno ridotto così mio figlio hanno 24 anni e sapevano bene cosa facevano, hanno tentato di ucciderlo. E si meritano di finire sulla sedia elettrica. Devono pagare. Hanno rovinato la vita al mio bambino”.

Il ragazzino è stato preso di mira da tre ragazzi di 24 anni, un’età in cui si è maturi, si potrebbe pensare, ma la follia non ha limiti, non ha età.

Una tortura, una violenza assurda,una dinamica agghiacciante, eppure i familiari del 24enne in stato di fermo per tentato omicidio credono ancora che quello che è accaduto sia stato tutto uno scherzo: “Non è un tentato omicidio né altro, sono tutti bravi ragazzi che si prendevano in giro tra loro. Hanno sottovalutato la potenza del compressore. Era un gioco”.

Gli altri due 24enni sono stati invece denunciati perchè hanno assistito all’aggressione senza però intervenire. Il branco è stato identificato grazie al racconto della vittima.

Il ragazzino è ora ricoverato all’ospedale San Paolo di Napoli, mai avrebbe immaginato di essere vittima di una brutale violenza causata solo per il suo peso: “Guarda come sei grasso, ora ti gonfio ancora un pò”.

Lascia un commento

Back to Top