HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiIl ritrovamento di Elena Ceste: il fossato ricoperto dalla neve
elena ceste

Il ritrovamento di Elena Ceste: il fossato ricoperto dalla neve

di

Era qui la mamma di Costigliole d’Asti: vicino alla sua casa,vicino ai suoi figli. 9 mesi di silenzio, e la giovane mamma era proprio vicino alla sua abitazione. E’ il 24 gennaio quando scompare: dove può essere andata una mamma? In realtà era in un fosso, ed è stato sottoposto alle intemperie delle stagioni, fino ad essere stata coperta dalla neve.

elena cesteEra sempre lì anche quando la neve si è sciolta ed è arrivata l’estate. Nesuno se ne è accorto. Nessuno ha mai risposto agli appelli dei genitori. C’è chi dice che è in un’isola a Tenerife. Chi, invece, crede si sia rinchiusa in un convento,e  chi crede di averla vista a Torino, mentre fa la pendolare sugli autobus. Elena, invece, è sempre stata in un fosso: è stata trovata con la faccia rivolta verso il fango, e nuda.

Elena era una donna divisa tra casa e figli. Il marito, sentito più volte, l’aveva descritta come una “santa”. Il suo corpo, però, è stato lasciato lì per mesi: ma chi l’ha adagiata lì resta ancora un mistero. La sua vita è stata una vita semplice: le sue amiche di Santa Margherita l’avevano descritta come una donna impegnata, sempre disponibile.

Elena, però, è inquieta: nel 2011 crea il suo profilo facebook. Ritrova in rete gli amici del passato. Riprende i contatti con il suo ex fidanzatino torinese. Scambia anche messaggi e chatta anche con un suo vicino di casa.

Il modo in cui viene ritrovato il corpo è del tutto casuale: è un dipendente comunale a fare la tragica scoperta, in quanto doveva ripulire i condotti fognari di Isola D’Asti. Solo 800 metri dividono casa di Elena da dove è stata ritrovata: lo stesso Michele ha provato a percorrere più volte quella strada, ma non è mai riuscita a trovarla. Il dubbio, però, permane: come ha fatto Elena a percorrere quel tratto di strada nuda, e scalza?

Il marito Michele, adesso, è accusato di averla uccisa: la notte prima della sua scomparsa i due coniugi avevano litigato per molte ore. Elena, infatti, gli aveva confidato di ricevere messaggi minatori su cose che lei non aveva fatto, ma che la facevano vergognare molto. Il mattino seguente, Michele accompagna i figli a scuola, e al suo ritorno non c’era più traccia della moglie. L’uomo lo ha capito subito: appena rientrato, infatti, è stato investito da un silenzio tombale.

Il caso è ancora aperto, ma la svolta decisiva sembra ancora lontana. Nonostante i numerosi punti oscuri ammessi proprio da Michele durante gli interrogativi: prima di tutto, una donna miope come fa ad allontanarsi senza occhiali? E perchè il suo pigiama è stato ritrovato all’esterno? Gli inquirenti credono che dietro alla morte di Elòena Ceste ci sia un raptus di follia del marito Michele.

(Fonte Chi L’Ha Visto)

Lascia un commento

Back to Top