HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiRoberta Ragusa: il rapporto tra la figlia Alessia e l’amante Sara al vaglio degli inquirenti
roberta ragusa

Roberta Ragusa: il rapporto tra la figlia Alessia e l’amante Sara al vaglio degli inquirenti

di

La vicenda di Roberta Ragusa ha lasciato un segno molto profondo. La donna è misteriosamente scomparsa da molto tempo ormai, e tutti gli indizi conducono ad un solo colpevole: il marito

roberta ragusaDal 2004 al 2011 Antonio e Sara vivono la loro storia clandestina, e intanto Roberta cosa fa? Roberta corre e bada a tutto: alla casa, ai figli, all’autoscuola: nella sua lotta quotidiana contro il tempo si sente sempre più sola, sempre più distante dall’uomo che ha sposato per amore il 22 settembre 1988, all’età di 23 anni.

Roberta viene descritta dagli inquirenti che ne hanno studiato il profilo, una mamma lavoratrice dal carattere forte e diretto, seria ed educata, disponibile, orgogliosa, appassionata e genuina.

In questi anni Roberta capisce, e sente, che le cose tra lei e il marito sono cambiate. Sente l’ombra di un’altra. Tenta di salvare il matrimonio ma resta sempre più delusa. Il suo malessere comincia molto tempo prima della sua scomparsa, ed è evidente nelle lettere, nei biglietti con i quali cerca di comunicare con Antonio. Cerca di risvegliare in lui una scintilla di quello che un tempo sono stati.

Già nel 2006, in vista del nuovo anno, Roberta scriveva: “Per queste feste, in vista del nuovo anno, voglio farti un augurio. Di trovare quella serenità che sempre ti sfugge, di smussare gli spigoli e di sorridere di più. Penso non ti manchino i motivi, e due sono i tuoi figli, e se conta ancora qualcosa ci sono anche io “.

Ma è nelle lettere che emerge la vera Roberta: una donna profonda, e piena di sentimenti verso il suo uomo e la sua famiglia.

In un manoscritto Roberta, in tempi non ancora sospetti, scriveva: “Mi sembra strano ritrovarti nella necessità di parlarti con parole scritte…non è più possibile ormai, dato che quando io entro nel letto tu già dormi, e che quando tu ti alzi io dormo ancora. Non c’è più tempo… per ascoltare, parlare, capire. Non c’è tempo per cogliere l’essenza, l’attimo della vita…tu non ti accorgi che vivo la mia vita fuori dalla mia vita…cosa resta di noi?siamo vicendevolmente delusi…sono stanca dei soliti battibecchi…Non fraintendermi io ti voglio bene, ma la nostra fiamma si è inesorabilmente spenta…”

A complicare ulteriormente il quadro c’è un’altra figura, quella di Sara l’amante di Antonio. Per gli inquirenti lei è il movente che scatena la furia dell’uomo. Dopo la scomparsa di Roberta, il marito si mostra liberamente insieme alla sua nuova compagna, tant’è che ben presto lei subentra anche nella casa coniugale, prendendo il posto dell’ex rivale.

Dalle intercettazioni, però, emerge il rapporto conflittuale che divide Sara e Alessia, la figlia di Roberta e Antonio. Gli inquirenti, grazie alle intercettazioni, riusciranno a chiudere definitivamente il caso?

(Fonte Chi l’ha visto)

Lascia un commento

Back to Top