HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsRoberto Costelli ha confessato: è stato lui ad uccidere il rom Roberto Pantic

Roberto Costelli ha confessato: è stato lui ad uccidere il rom Roberto Pantic

di

Roberto CostelliRoberto Costelli, 39enne disoccupato, ha ammesso di aver ucciso Roberto Pantic aggiungendo che aveva intenzione solo di spaventarlo. Sul suo profilo Facebook però, l’uomo pubblicava numerose dichiarazioni razziste

L’omicidio del rom Roberto Pantic è avvenuto nella notte tra il 21 e il 22 febbraio quando improvvisamente è stato raggiunto da un colpo di pistola alla testa mentre dormiva in un prato della Bassa bergamasca insieme alla moglie e ai suoi dieci figli che, oltre a vivere in condizioni disagiate, adesso non avranno più l’affetto del padre.

La famiglia rom non aveva alcun precedente penale, la loro unica colpa era quella di vivere in miseria e di doversi mantenere con l’elemosina.

Roberto Costelli non ha mai accettato la presenza di rom e zingari nella sua città. Il suo odio nei confronti di una diversa etnia e cultura lo rendeva pubblico attraverso il suo profilo Facebook nel quale scriveva parole e frasi razziste contro i rom invitando tutti a fare “una bella fossa comune per sotterrare vivi ste c*** di extraterrestri”.

Roberto Costelli dopo più di un mese dall’omicidio di Pantic ha confessato ed è stato arrestato: “Sono stato io a sparare, ma non volevo ammazzarli. Sporcavano in giro, volevo solo spaventarli e farli andare via”.

Un fastidio estremo verso quei nomadi che secondo il 39enne sporcavano lo spiazzo vicino al fiume Oglio: “Sono un ecologista convinto, non un razzista. Quelli sporcavano un luogo che io cercavo di tenere pulito. Volevo solo spaventarli, devo aver sbagliato mira. Non credevo di aver ucciso nessuno, l’ho scoperto leggendo i giornali”.

L’uomo ha dopo un pò consegnato l’arma del delitto agli esperti che aveva accuratamente nascosto nel caminetto di casa sua. La pistola è stata consegnata ai Ris di Parma che effettueranno le analisi balistiche per avere la conferma definitiva che si tratti proprio della stessa arma dell’omicidio del rom.

Intanto gli investigatori vogliono capire se la sparatoria sia stata premeditata o meno e se Roberto Costelli, al quale è stata notificata la misura cautelare per omicidio, avesse veramente solo l’intenzione di spaventare la famiglia.

Lascia un commento

Back to Top