HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiOmicidi in FamigliaRoberto Zanier, uccide la madre e un’altra donna

Roberto Zanier, uccide la madre e un’altra donna

di

Roberto Zanier, 35enne di Latina, avrebbe ucciso sua madre e un’inquilina, tentando di uccidere un’altra donna. La causa dei delitti è legata molto probabilmente a problemi di depressione. I parenti sono increduli riguardo l’accaduto

Le persone di Latina descrivono Roberto Zanier come un bravo ragazzo, ma purtroppo depresso e solo. Nessuno avrebbe mai immaginato che l’uomo avrebbe potuto compiere un gesto del genere.

Roberto Zanier, ex guardia giurata e disoccupato, è  stato arrestato dopo una fuga nelle campagne laziali e a dare la prova che l’omicidio della mamma era stato già pianificato, è stata una lettera lasciata ad un amico dove l’assassino spiegava il tutto.

roberto zanierIl perchè dell’omicidio della madre 68enne, avvenuto intorno le 4 del mattino, è stato alquanto bizzarro: “Volevo salvarla dalla fine del mondo, volevo proteggerla”. Roberto Zanier avrebbe ucciso la donna premendole un cuscino in faccia e sparando un colpo di pistola.

Dopo un paio d’ore dal delitto, Zanier si sarebbe recato presso la casa del padre, una villetta dove alcuni spazi sono stati dati in affitto ad alcuni rumeni che non pagano regolarmente, così il killer sarebbe entrato nel monolocale di Elena Tudosa, 44 anni, pretendendo i soldi dell’affitto. Dopo poco avrebbe premuto il grilletto uccidendo la seconda vittima per poi fare fuoco contro il figlio e contro il marito della donna, il primo è in coma mentre il secondo è stato solo lievemente ferito.

Successivamente Roberto Zanier avrebbe tentato di entrare in un altro appartamento, ma la pistola si sarebbe inceppata riuscendo a risparmiare la seconda inquilina.

Il killer allora sarebbe scappato e avrebbe vagato senza meta per ore fino a che gli agenti non lo avrebbero arrestato.

La disoccupazione e la depressione, hanno portato altro sangue. Roberto infatti, era stato licenziato da vari lavori precari e di alcuni non aveva ancora ottenuto la liquidazione.

 

Lascia un commento

Back to Top