HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioNewsOmicidi in FamigliaRosa Landi, uccisa dal marito: ecco cosa scriveva su Facebook

Rosa Landi, uccisa dal marito: ecco cosa scriveva su Facebook

di

rosa landiRosa Landi, è stata uccisa sabato notte dal marito Ciro Vitiello, il quale l’ha colpita alla schiena con ben cinque colpi di pistola

Rosa Landi e Ciro Vitiello erano nel loro appartamento di Sestri Ponente quando si è consumata la tragedia. L’uomo ha improvvisamente deciso di farla finita e di uccidere la moglie, che avrebbe tanto voluto lasciarlo.

La donna, come si legge su IlMessaggero.it, pubblicava sul suo profilo Facebook qualche pensiero riguardante la sua situazione: “Se una persona mi delude non litigo, non alzo la voce, non cerco di comprendere perché sarebbe tempo perso. Ma lo allontano piano piano, silenziosamente”.

Rosa Landi aveva deciso di dire basta ai continui tradimenti del marito e di riprendere la sua vita in mano, uscendo con le amiche e frequentando un corso di ballo liscio: “A volte ho solo voglia di andarmene lontano da tutti – scriveva – A volte ho voglia di non esistere più per nessuno”. Sulla sua bacheca non mancavano frecciatine al marito traditore: “Una donna capace di ironia e umorismo sarà sempre più bella di una che la bellezza ce l’ha ovunque, tranne nel cervello”.

La sera dell’omicidio Rosa Landi era al telefono con il figlio, che ha ascoltato quei macabri momenti senza poter intervenire. Il tutto è avvenuto dopo una lite, quando Ciro ha improvvisamente perso la testa perchè aveva ormai capito che la moglie non voleva più saperne di lui. Un femminicidio che, secondo qualcuno, poteva essere evitato perchè Rosa veniva minacciata di morte dal marito, ma non ha mai avuto il coraggio di denunciarlo e mai nessuno le avrebbe consigliato di farlo.

Ciro Vitiello aveva in casa ben quattro pistole tutte regolarmente detenute e il pericolo per Rosa era proprio dietro l’angolo: “Avrebbero dovuto denunciarlo. Anche solo una segnalazione, avrebbe portato almeno al ritiro delle armi”, hanno detto gli inquirenti.

Lascia un commento

Back to Top