HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsSacerdote ucciso a Sibari: fermato Nelus Dudu un giovane di origine romena

Sacerdote ucciso a Sibari: fermato Nelus Dudu un giovane di origine romena

di

Ha un nome il presunto omicida del sacerdote Lazzaro Longobardi: si tratterebbe di Nelus Dudu

Il 26enne di nazionalista romena è stato arrestato dai Carabinieri perchè, ritenuto al momento, colpevole dell’omicidio di don Lazzaro Longobardi. Il sacerdote, in un colloquio informale con i carabinieri, aveva raccontato delle richieste di denaro del suo assassino alle quali però non intendeva piegarsi. il parroco si sarebbe accorto di furti delle offerte, attribuendo quegli ammanchi di denaro al giovane romeno. Questo, probabilmente, il movente dell’uomo che ha preso a sprangate il parroco nella serata del 2.

Una svolta nelle indagini sul caso del sacerdote ucciso a Sibari nella serata del 2 Marzo scorso. E’ stato interrogato per tutta la notte nella stazione dei Carabinieri di Corigliano Calabro (CS) ed ora è in stato di fermo, un giovane di origine romena. Secondo gli inquirenti sarebbe lui l’assassino di Don Lazzaro Longobardi. L’aggressione a scopo di rapina sarebbe poi degenerata.

Lazzaro LongobardiUn sacerdote impegnato in una terra di malavita, questa la storia di Don Lazzaro Longobardi, parroco nella frazione di Lattughelle di Cassano Allo Iono. Secondo le prime ricostruzioni si tratterebbe di un aggressione a scopo di rapina. Il povero parrocco è stato colpito alla testa con una spranga di ferro ed è stato ritrovato in una pozza di sangue solo qualche ora dopo.  Già da alcuni giorni il parrocco aveva segnalato alle forze dell’ordine le continue e pressanti richieste di denaro. L’aggressione è avvenuta la sera del 2 Marzo quando don Longobardi stava prendendo la sua auto per spostarsi in una località vicina.

Le condoglianze del Ministro dell’Interno Angelino Alfano sono giute nella mattinata di ieri al Vescovo di Cassano allo Ionio, Mons. Nunzio Galantino. L’impegno per ricostruire subito la vicenda dell’aggressione è stato subito recepito dalle forze dell’ordine. Immediata la convalida del fermo da parte del sostituto procuratore della Repubblica di Castrovillari Quaranta.

Lascia un commento

Back to Top