HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Omicidi in FamigliaSamantha, morta a 3 anni: fermato il violento patrigno

Samantha, morta a 3 anni: fermato il violento patrigno

di

carabinieriSamantha è morta a soli 3 anni, probabilmente uccisa dal compagno della madre. Il presunto assassino si chiama Tonino Kristic, ha 31 anni ed è stato fermato con le accuse di lesioni e maltrattamenti alla bimba e alla sua mamma

Pisa – A raccontare dei maltrattamenti e dell’incubo in cui erano costrette a vivere è stata Juana Francisca, la mamma della piccola Samantha. Le due, secondo il racconto della donna, venivano quotidianamente picchiate da quell’uomo che avrebbe tolto la vita a Samantha, forse dopo le ennesime violenze fisiche. Francisca ha provato a scappare da quell’uomo e da quella baracca in condizioni igieniche gravissime in cui vivevano, per cambiare vita e per regalare alla piccola un futuro migliore, ma il mostro le minacciava: “Avevo provato a fuggire ma ci aveva riprese. Ci picchiava, ci picchiava, ci teneva rinchiuse”.

Samantha stava male da giorni, ma nonostante l’evidente malessere della piccola Tonino, con una fedina penale sporca da vari reati, non voleva che la compagna portasse la bimba in ospedale: “Non voleva che la portassi in ospedale, mi minacciava, diceva che ci avrebbe uccise”. Non è chiaro se la piccola sia morta perchè stava male o a causa delle percosse di cui era vittima, così tante che la mamma era stata costretta a tagliarle i suoi bei riccioli neri, che quel mostro utilizzava per alzare la piccola come un pacco e lanciarla ovunque. Sul suo corpo tanti lividi e segni di brutali violenze.

Francisca aveva lasciato il marito per fuggire da Tonino, conosciuto in una chat. Non avrebbe mai immaginato ciò che avrebbe perso prendendo questa folle decisione. Adesso sono in tanti a lasciare messaggi alla piccola Samantha: “Ciao Samantha, conoscere il tuo dolore è uno strazio incolmabile. Riposa in pace piccola” e ancora “Piccolo angelo sei volata via da questo mondo cieco ed egoista”.

Intanto le indagini proseguono per chiarire al meglio le cause del decesso della piccola. Da analizzare anche quella fibbia che Tonino usava per picchiare madre e figlia e che avrebbe tentato di bruciare poco prima l’arrivo dei soccorsi.

Lascia un commento

Back to Top