HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioSara Di Pietrantonio, trovata carbonizzata. Per gli amici: “L’ex era troppo geloso”

Sara Di Pietrantonio, trovata carbonizzata. Per gli amici: “L’ex era troppo geloso”

di

Sara Di Pietrantonio carbonizzata - delitti.net  giusy 29 maggio h. 16.43Sara Di Pietrantonio, studentessa di 22 anni, è stata trovata semi carbonizzata poco distante dalla sua auto. Nelle ultime ore è stato fermato l’ex fidanzato della vittima, ragazzo descritto geloso e possessivo

Il presunto assassino di Sara Di Pietrantonio potrebbe essere Vincenzo Paduano, 27enne guardia giurata, che per due anni ha avuto una relazione con la 22enne. Solo due giorni prima che Sara venisse trovata semi carbonizzata, la giovane aveva deciso di troncare la loro relazione. A trovare il cadavere di Sara Di Pietrantonio sono stati i vigili del fuoco intervenuti per sedare l’incendio di un’auto andata in fiamme, il veicolo era proprio quello della studentessa.

“Si era lasciata con il ragazzo da un paio di giorni. Non lo conoscevamo ma ci sembrava un bravo giovane – hanno detto le zie della giovane vittima – sabato sera è uscita con un’amica e ha mandato, come di consuetudine, un messaggio alla madre quando aveva riaccompagnato la sua amica. Quando Tina si è avvicinata ha visto la figlia a terra, con le braccia larghe e la camicetta sbottonata. Non abbiamo idea di cosa sia successo”.

E’ per questo che Vincenzo Paduano è diventato il principale sospettato. Quest’ultimo è stato descritto dagli amici di Sara geloso e possessivo: “Quando si lasciavano, era molto pressante. Si presentava anche all’uscita dalle lezioni, a sorpresa”. Ad incastrare il giovane potrebbero essere le telecamere di sorveglianze, che hanno immortalato l’assassino mentre scendeva dall’auto di Sara Di Pietrantonio per salire su un’altra auto.

Cosa è successo quella notte? Secondo alcune ipotesi dei giornalisti del Messaggero, l’ex ragazzo avrebbe seguito la giovane fino a quando non è rimasta sola in auto. Quest’ultimo l’avrebbe costretta a fermarsi, a farla scendere dal veicolo forse con l’intento di violentarla. Sara Di Pietrantonio a quel punto avrebbe fatto di tutto per liberarsi, ma il presunto assassino l’avrebbe, forse, strangolata con le sue stesse mani. L’assassino avrebbe poi appiccato il fuoco con della benzina o dell’alcol precedentemente procurati e tutto, compreso il viso della giovane vittima, avrebbe preso fuoco.

Un’altra ipotesi vede Sara in auto con il suo ex, mentre litigano lui avrebbe tentato di strangolarla, non riuscendoci avrebbe preso la benzina per gettarla nel veicolo dove forse c’era ancora Sara, viva. Le fiamme avrebbero poi invaso tutta l’auto e il viso della 22enne, che avrebbe tentato di scappare uscendo dall’auto senza però salvarsi.

Lascia un commento

Back to Top