HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsScarcerato Lewis Fogle: fu condannato per lo stupro e l’omicidio di una 15enne

Scarcerato Lewis Fogle: fu condannato per lo stupro e l’omicidio di una 15enne

di

Lewis FogleNel 1981 Lewis Fogle venne condannato all’ergastolo per aver stuprato ed ucciso nel 1976 la giovane Deann Long che all’epoca aveva soltanto 15 anni. Dopo 34 anni di prigionia l’uomo è stato messo in libertà perchè ritenuto innocente

Deann Long non fu uccisa e violentata da Lewis Fogle e a dimostrarlo è stato un esame del Dna che ha provato che quelle tracce biologiche trovate sul cadavere della 15enne non appartenevano all’uomo.

Come pubblicato da IlMattino.it, questo è probabile errore giudiziario di cui Lewis Fogle è stato vittima. L’uomo venne ritenuto colpevole in base ad alcuni racconti di tre detenuti, i quali dichiararono di averlo sentito confessare l’omicidio, e da un testimone che sotto ipnosi cercò di ricordare il giorno della scomparsa della 15enne.

Lewis Fogle nonostante abbia trascorso 34 anni della sua vita rinchiuso dietro le sbarre non prova risentimenti ma non riesce a credere che la sua condanna sia avvenuta senza la presenza di prove schiaccianti e concrete: “Non posso accettare che quelle siano state le prove che mi hanno condannato, le parole di prigionieri che avevano interesse ad accontentare il procuratore e i ricordi di un testimone recuperati sotto ipnosi cinque anni dopo i fatti”.

Finalmente anche per Lewis Fogle è arrivata la libertà che a causa di quella assurda condanna non avrebbe mai più rivisto: “Ora l’unica cosa che voglio fare è andare a cena fuori con mia moglie e godermi una belle bistecca. In verità non saprei neanche ordinare un sandwich. Non so neanche come si opera un computer”.

Nonostante tutto però i giudici sono ancora dubbiosi e vorrebbero dare un nuovo processo all’uomo che potrebbe essere stato complice di quell’efferato omicidio e non l’autore materiale come si era creduto fino a qualche tempo fa ma, secondo alcuni esperti, “potrebbero non esserci prove sufficienti per riprocessarlo. I testimoni potrebbero essere morti o non ricordare molto dopo tutti questi anni”.

Lascia un commento

Back to Top