HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsScomparsiScomparso da 4 anni è stato trovato rinchiuso dietro una parete finta

Scomparso da 4 anni è stato trovato rinchiuso dietro una parete finta

di

scomparsoUn ragazzino di 13 anni è stato ritrovato dopo 4 anni dalla sua scomparsa nascosto dietro una parete finta. L’assurda vicenda è accaduta in Georgia, negli Stati Uniti

La scomparsa del 13enne, che all’epoca dei fatti aveva solo 9 anni, sembrava essere un vero e proprio mistero. La madre ha cercato il ragazzino senza mai arrendersi per quattro lunghi anni ma del figlio, improvvisamente scomparso nel nulla, non ha avuto più notizie fino a qualche giorno fa, quando ha scoperto che era ancora in vita.

E’ stato proprio il ragazzino ad inviare alla madre un sms in cui le ha comunicato la posizione esatta della casa dove per anni è stato rinchiuso. Il 13enne infatti, è stato tenuto prigioniero dal giorno della sua scomparsa dietro ad un muro nella casa in cui abitava il padre, la sua nuova compagna e tre minori.

Arrivati nell’abitazione dopo essere stati chiamati dalla donna, gli agenti di polizia hanno trovato il ragazzino scomparso grazie ad alcuni fondamentali dettagli riferiti proprio dalla madre. Era stato il padre del ragazzo a tenerlo nascosto dietro quella falsa parete camuffata con dei portasciugamani in una zona interna della casa.

“Abbiamo aperto il muro e gli abbiamo ha chiesto di uscire – ha detto l’agente Joanne Sutherland – Era sconvolto, pietrificato dalla paura”.

Cinque sono state le persone arrestate che conoscevano l’esistenza del ragazzino che per fortuna sembra essere in buona salute. Tutti in un primo momento hanno negato di sapere dove fosse il 13enne scomparso.

Gregory Jean e Samantha Joy Davis rischiano di essere incriminati a vario livello di imprigionamento. Alcune delle accuse a cui dovranno rispondere sono: sequestro di persona, crudeltà nei confronti di bambini e ostruzione alla giustizia.

Non è ancora chiaro il perchè il ragazzino sia stato nascosto dietro ad un muro per tutti questi anni. Le indagini sul caso proseguono.

Lascia un commento

Back to Top