HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseDelitti dal mondoSerena Mollicone: la salma della 18enne é stata riesumata, il padre trascorre la notte al cimitero per vegliare

Serena Mollicone: la salma della 18enne é stata riesumata, il padre trascorre la notte al cimitero per vegliare

di

La salma di Serena Mollicone è stata riesumata. La 18enne è stata uccisa a giugno del 2011 e il suo corpo venne trovato in un bosco con gli arti inferiori e quelli superiori legati. Il cold case italiano potrebbe finalmente essere risolto, proprio per questo il padre ha deciso di passare la notte al cimitero.

serena-molliconeLa salma di Serena Mollicone è stata riesumata oggi, martedì 22 marzo. Per la ragazza continua a non esserci pace nemmeno dopo 15 anni. Tutti in paese sono convinti che sia la strada giusta anche se è molto dolorosa sopratutto per il papà che non si rassegna e preferisce restare al cimitero per evitare che qualcuno possa provare a manomettere eventuali prove presenti sul cadavere. Ad esaminare i resti di Serena Mollicone sarà Cristina Cattaneo, dell’Istituto di Medicina legale di Milano dove sarà trasferita la salma per nuovi accertamenti.

Durante l’esame si procederà con l’analisi della frattura cranica, un punto centrale del cold case, per verificare se è compatibile con il colpo che ha sfondato una delle porte di un alloggio della caserma dei Carabinieri di Arce. Sono molti i dubbi e i sospetti che portano proprio lì. Per l’omicidio di Serena Mollicone sono sospettati di omicidio volontario il maresciallo Franco Mottola, il figlio e la moglie. Qualche tempo fa vi abbiamo parlato di una nuova testimonianza, la donna delle pulizie avrebbe ripulito un appartamento vuoto della caserma proprio su richiesta della moglie del maresciallo.

I macchinari che saranno utilizzati sono di ultima generazione e il padre di Serena Mollicone ha preferito non opporsi alla richiesta di riesumazione avanzata dalla Procura. Nonostante abbia chiesto ai carabinieri di vegliare la salma della figlia, Guglielmo Mollicone ha deciso di non andare a Milano ma aspetterà il suo ritorno, con la speranza che dopo 15 anni qualcuno possa dargli una risposta e giustizia.

Fonte: Corriere della Sera

Lascia un commento

Back to Top