HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
FemminicidioNewsSognò il tradimento della moglie e la uccise nel sonno: condannato a 24 anni

Sognò il tradimento della moglie e la uccise nel sonno: condannato a 24 anni

di

Salvatore ScandaleNei giorni scorsi è stata definitivamente confermata la condanna per Salvatore Scandale, l’uomo che il 6 agosto del 2011 uccise la moglie, Mariella Vinardi, mentre dormiva

Ha raccontato di aver sparato alla moglie nel sonno perchè aveva sognato un tradimento. E’ per questo che Salvatore Scandale, stando alle sue parole, aveva premuto il grilletto: “Dormivo, e mentre dormivo sognavo che Mariella mi tradiva. Mia moglie era in compagnia di un altro uomo, li ho sorpresi in camera da letto. Allora ho sollevato un braccio in direzione di Mariella e ho premuto il grilletto. Ho sognato di ucciderla. Ma quando mi sono svegliato ero sdraiato accanto a lei, e lei era morta. Dormivo con la pistola sotto il cuscino perché in quel periodo avevo subito parecchie rapine e avevo paura. Ho agito durante un sogno, non mi sono accorto di nulla se non quando sono stato svegliato di colpo dallo sparo e mi sono ritrovato sdraiato nel letto, con la pistola in mano: l’arma era rivolta verso il corpo ormai privo di vita di mia moglie”.

Una giustificazione che non ha mai convinto gli inquirenti. I periti nominati dai giudici infatti, smentirono la sua versione dei fatti e confermarono che l’uomo non soffriva di alcun distrubo comportamentale in sonno Rem che potesse “giustificare gesti violenti e spiegare l’omicidio”.

Per Salvatore Scandale arrivò quindi una prima condanna a 24 anni di reclusione in Assise ed un’altra condanna a 16 anni in appello. Nei giorni scorsi è stata confermata la condanna stabilita dalla Carte d’Assise d’Appello, ovvero quella a 24 anni di reclusione.

Fonte: Cronacaqui.it

Lascia un commento

Back to Top