HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsIl caso Stefania Russo, accusata di aver ucciso il figlio per intascare i soldi dell’assicurazione

Il caso Stefania Russo, accusata di aver ucciso il figlio per intascare i soldi dell’assicurazione

di

Stefania Russo è stata arrestata insieme al medico del pronto soccorso dell’ospedale di Corigliano Calabro per aver inscenato un incidente stradale per truffare l’assicurazione. Il fatto è stato scoperto proprio durante l’inchiesta calabrese sui falsi incidenti stradali che ha visto il coinvolgimento di 144 persone

Stefania Russo

Stefania Russo, 37enne al settimo mese di gravidanza, il 15 maggio del 2012 si era presentata all’ospedale di Corigliano Calabro in situazioni disperate, ovvero con un aborto in fase avanzata che avrebbe purtroppo comportato la morte del suo bimbo. La donna continuava a sanguinare e al medico di turno, il dottor Sergio Garasto, aveva spiegato di essere stata travolta in un incidente stradale che le aveva causato l’aborto.

Il dottore aveva accertato che la donna aveva espulso il feto che ancora attaccato al cordone ombelicale era deceduto poco dopo perchè il suo cuoricino aveva smesso di funzionare.

Una storia triste e macabra al contempo perchè grazie alle indagini del caso la Procura di Castrovillari ha scoperto la truffa aggravata e l’infanticidio provocato proprio dalla stessa Stefania Russo che è stata posta ai domiciliari.

I magistrati non hanno mai creduto ad una sola parola del suo racconto e con gli esami autopici eseguiti sul corpicino del feto si è accertato che la morte di quest’ultimo è sopraggiunta per “arresto cardiorespiratorio da insufficienza cardio-respiratoria acuta in feto al terzo trimestre normo-conformato, vivo e vitale conseguente ad aborto procurato”.

Stefania Russo avrebbe dunque messo in scena un falso incidente stradale che avrebbe provocato l’aborto che secondo i periti “non è da ricondursi a trauma addominale da incidente stradale e la causa dell’espulsione del feto è da ascriversi ad aborto indotto”.

L’intento della 37enne era di far passare la morte del suo bimbo come causa dell’incidente di cui era stata vittima per poter intascare 80mila euro dall’assicurazione.

Il dottore Sergio Garastro avrebbe inoltre finto di soccorrere la donna ed il feto. L’uomo, che avrebbe aiutato la donna ad abortire 7 giorni prima della messa in scena, è stato accusato di concorso in infanticidio e truffa aggravata

Lascia un commento

Back to Top