HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsStella Pederzolli, uccisa ad 11 anni da un proiettile partito dall’arma del padre

Stella Pederzolli, uccisa ad 11 anni da un proiettile partito dall’arma del padre

di

Stella PederzolliStella Pederzolli, 11 anni, è rimasta uccisa a causa di un proiettile partito dalla pistola d’ordinanza del padre. La bimba aveva trovato l’arma mentre curiosava nei cassetti della scrivania del genitore

Giorni di festa si sono trasformati in pochi secondi in un vero e proprio incubo. Questo è stato un inizio anno davvero triste e doloroso per la famiglia Pederzolli.

La tragedia è avvenuta a Prefasina, una piccola località poco distante da Riva del Garda. La pistola che la piccola Stella Pederzolli aveva trovato apparteneva al padre, Elvio Pederzolli, agente di polizia stradale di 38 anni.

La bimba, che era sola in casa in quel momento, ha rovistato in un cassetto della scrivania del padre ed ha trovato una piccola scatola chiusa. L’ha aperta, ha visto la pistola, probabilmente una Beretta, e come fosse un giocattolo, ignara del pericolo, l’ha presa. E’ bastato un attimo che è partito un colpo dall’arma carica che ha centrato l’11enne in pieno.

I genitori di Stella Pederzolli erano fuori ad aggiustare il recinto del proprio cane nel giardino dietro la loro abitazione quando improvvisamente hanno sentito uno sparo. I due sono subito accorsi dalla figlia e hanno lanciato l’allarme. Purtroppo però, quel maledetto proiettile, sparato proprio all’altezza della tempia, ha stroncato la vita della bimba in un attimo. Inutile è stato anche l’intervento dell’elicottero di Trentino Emergenza.

Sul posto del drammatico incidente, che non ha testimoni, sono giunti i carabinieri e la scientifica che non hanno dubbi che si sia trattato di morte accidentale. Resta ora da chiarire come possa essere partito il proiettile che ha ucciso la piccola Stella Pederzolli.

Increduli, gli abitanti del paesino in cui la famiglia Perderzolli, originaria di Riva, si era trasferita da pochi mesi, sono arrivati sul posto in compagnia di amici, colleghi e conoscenti dei genitori della piccola portando un pò di conforto.

Lascia un commento

Back to Top