HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiNewsOmicidi in FamigliaStrage a Napoli: uccide i familiari e poi spara dal balcone sui passanti, quattro vittime e sei feriti gravi

Strage a Napoli: uccide i familiari e poi spara dal balcone sui passanti, quattro vittime e sei feriti gravi

di

Giulio Murolo di 48 anni, infermiere all’ospedale Caldarelli di Napoli, oggi ha seminato il terrore nel quartiere Secondigliano; dopo aver trucidato il fratello e la moglie di quest’ultimo con un fucile a pompa , si è barricato in casa, e si è posizionato sul balcone dell’appartamento circondato da alcune bombole di gas minacciando di far saltare tutto,  poi ha  iniziato a sparare in strada sui passanti facendo una carneficina; il folle ha ucciso altre due persone oltre ai familiari e ne ha ferite sei, di cui quattro in modo grave.

ScreenHunter_776 May. 15 21.06Le vittime sono: il tenente della polizia municipale, Francesco Brunel di 45 anni, un fioraio, deceduto durante il tentativo di rianimarlo in un furgone dei carabinieri; i sei feriti sono:  due carabinieri, due poliziotti, un anziano che e’ andato a farsi medicare all’ospedale San Giovanni Bosco in modo autonomo, il sesto ferito è un agente della polizia municipale, Vincenzo Cinque, gravissimo.

Secondo quanto finora noto, le quattro vittime di Giulio Murolo, sono: suo fratello Luigi; la moglie di questi, Concetta, il tenente della polizia municipale Francesco Bunel,  il fioraio, Luigi Cantone, 56 anni. I poliziotti feriti sono Cristoforo Cozzolino e Umberto De Falco.  Giulio Murolo si è arreso alle forze dell’ordine che hanno fatto irruzione nell’abitazione del folle che è stato condotto in carcere. Ignoto per ora l’agente scatenante la follia omicida del Murolo.

Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, ha proclamato il lutto cittadino fino al giorno in cui saranno celebrati i funerali delle vittime; ha inoltre annunciato che la cerimonia d’inaugurazione della stazione metropolitana di Napoli, in programma per domani alla presenza del Presidente del Consiglio Renzi, è stata annullata.

Lascia un commento

Back to Top