HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Cold CaseStrage di Piazza della Loggia: la sentenza definitiva dopo 41 anni

Strage di Piazza della Loggia: la sentenza definitiva dopo 41 anni

di

Il prof. Capasso ha firmato una perizia in cui c’è il volto del killer della strage di Piazza Della Loggia. Dopo 41 anni e 12 processi Tremonte è stato condannato all’ergastolo. Il 28 maggio del 1984 morirono 8 persone, mentre i feriti furono 102.

Un operaio soccorre uno dei feriti dell'attentato a piazza della Loggia a Brescia il 28 maggio 1974.  ANSA

Un operaio soccorre uno dei feriti dell’attentato a piazza della Loggia a Brescia il 28 maggio 1974. ANSA

A distanza di 41 anni è arrivata la sentenza definitiva per la strage di Piazza Della Loggia a Brescia avvenuta il 28 maggio 1974. La vorte d’appello di Milano ha condannato all’ergastolo Maurizio Tremonte e Carlo Maria Maggi. Questa vicenda giudiziaria che ha messo in luce i tarli del sistema giudiziario italiano, ha avuto una svolta definitiva all’alba del nuovo millennio. Nel 2000 il prof. Luigi Capasso ricevette l’incarico di procedere agli “accertamenti antropologici” su alcuni reperti fotografici in cui sono immortalati gli attimi successivi all’esplosione della bomba in Piazza Della Loggia.

Il prof. Capasso ha puntato la sua attenzione sul volto di un uomo che per la Procura aveva programmato l’esecuzione della strage. Il lavoro condotto dall’esperto è stato lungo e meticoloso ma alla fine da quel fotogramma è riuscito a stabilire che si trattava di Maurizio Tremonte, il neo-fascista veneto informatore del Sid e infiltrato in Ordine Nuovo. Il suo nome in codice era “fonte Tritone”. Per dare un nome al volto è stata sovrapposta una fototessera di Tremonte e la perizia di 98 pagine è stata depositata in Procura.

Maurizio Tremonte ha sempre smentito di essere lui in quella foto, ma i giudici questa volta hanno deciso di dare credito alla ricostruzione fatta dall’esperto che aveva specificato tra le righe carenze informative che imponevano prudenza. I magistrati però hanno superato questo giudizio perché il giallo di Piazza Della Loggia era un cold case che doveva essere chiuso per dare giustizia a quelle 8 vittime e ai 102 feriti che sono miracolosamente sopravvissuti.

Lascia un commento

Back to Top