HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiMisteri ItalianiStrage di via Caravaggio: Possibile svolta nelle indagini?

Strage di via Caravaggio: Possibile svolta nelle indagini?

di

via caravaggioSicuramente in molti ricorderanno della strage di via Caravaggio, il triplice delitto avvenuto nel quartiere Fuorigrotta, a Napoli, nella notte tra il 30 e il 31 ottobre del 1975. Dopo 39 anni è forse arrivato il momento di una possibile svolta

Nel delitto di via Caravaggio furono uccisi. da un assassino non ancora identificato, Domenico Santangelo, Gemma Cenname, Angela Santangelo e il suo inseparabile cane di nome Dick.

Domenico Santangelo, Gemma Cenname e Dick dopo essere ammazzati vennero depositati nella vasca del bagno padronale, mentre Angela Santangelo venne avvolta in un lenzuolo e appoggiata sul letto matrimoniale.

Le uniche tracce lasciate dall’ignoto assassino di via Caravaggio furono delle impronte insanguinate di scarpe di numero 41-42 e delle impronte digitali impresse su una bottiglia di whisky ed una di brandy. All’epoca dell’accaduto era impossibile per la polizia scientifica poter risalire ed identificare il killer dalle sole tracce biologiche lasciate sui suddetti reperti.

Il 25 marzo del 1976 venne comunque arrestato e condannato il nipote di Gemma, Domenico Zarelli, accusato di aver ucciso i componenti dell’appartamento di via Caravaggio in preda ad un raptus di follia per una richiesta di un prestito di denaro andata male. Successivamente l’uomo fu assolto dalla Corte di Cassazione e nel 2006 fu addirittura risarcito dallo Stato per danni morali e materiali.

Nel 2013 il coltello da cucina utilizzato per il delitto e la coperta utilizzata per soffocare il cagnolino sono esposti al pubblico nell’esposizione “Corpi di reato”.

Sempre nel 2013 sono stati analizzati un bicchiere usato e alcuni mozziconi di sigaretta furono ritrovati nell’appartamento di via Caravaggio dopo il triplice omicidio.

Solo dopo quasi 40 anni è arrivato un nuovo colpo di scena, la Procura ha disposto l’esame del Dna di un telo intriso di sangue recuperato anch’esso nella casa degli orrori.

Al momento si attendono i risultati che potrebbero portare finalmente alla svolta decisiva per questo misterioso caso.

Lascia un commento

Back to Top