HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsStudente uccide una compagna e poi si toglie la vita

Studente uccide una compagna e poi si toglie la vita

di

studenteTerrore in una scuola negli Stati Uniti. In un liceo di Marysville uno studente è entrato armato nella caffetteria frequentata da numerosi ragazzi ed ha iniziato a sparare mirando ad un tavolo. Una studentessa è morta dopo essere stata colpita alla testa

Jaylen Fryberg era uno studente del primo anno di liceo. Dopo l’irruzione nella caffetteria ha puntato la pistola verso di sè e si è tolto la vita.

A raccontare tutto alla polizia è stato un ragazzo che è riuscito a chiamare tempestivamente la polizia nel momento esatto in cui l’arma del killer si è inceppata dopo aver ucciso l’innocente ragazza.

Lo studente era molto popolare nella sua scuola, ma negli ultimi tempi era vittima di episodi di bullismo. E’ forse per questo che ha dato vita a questa tragedia? La vendetta, infatti, sembra essere la prima pista seguita dagli investigatori.

Il giovane killer, nativo americano discendente della tribù Tulalip, pare inoltre che avesse problemi con la sua fidanzatina, sul suo profilo Twitter aveva infatti scritto: “Non durerà, non potrà mai durare”.

Su Instagram aveva invece accennato al regalo ricevuto dai genitori, ovvero un fucile da caccia ed un caricatore: “È il più bel regalo che abbia mai ricevuto per il mio compleanno. Amo i miei genitori”.

Troppi sono i fatti sanguinosi che colpiscono le scuole in un paese come gli Stati Uniti, basta ricordare la strage alla Columbine High School o alla Sandy Hook Elementary School. A creare ulteriori problemi è la facilità con la quale i ragazzini possono entrare in possesso di armi da fuoco.

Non è ancora chiaro come lo studente si sia procurato la pistola con la quale ha causato panico, paura e la morte di una ragazza. Le uniche certezze si hanno solo sul numero dei feriti che sembrano essere almeno quattro di cui tre in gravi condizioni.

Lascia un commento

Back to Top