HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoSvizzera, spezza l’osso del collo alla compagna, 16 anni di carcere
femminicidio

Svizzera, spezza l’osso del collo alla compagna, 16 anni di carcere

di

Confermata la condanna ad un uomo che nel corso di un litigio con la compagna le aveva spezzato l’osso del collo. La donna era anche incinta

femminicidioIl femminicidio non è un male soltanto italiano e lo dimostra il caso che arriva dalla vicina Svizzera dove il Tribunale federale ha appena respinto il ricorso di un 41enne che nell’agosto di cinque anni fa uccise la sua compagna, che era incinta, rompendole l’osso del collo.

Gli avvocati dell’uomo, condannato in via definitiva a 16 anni di carcere, chiedevano l’assoluzione sostenendo che si fosse trattato di un incidente avvenuto nell’appartamento della donna a Zurigo. Improvvisamente i due avevano litigato furiosamente perché l’uomo aveva comunicato alla compagna di voler mettere fine alla loro relazione e durante la colluttazione che ne era seguita, aveva operato una presa al collo dell’amante che si era rivelata fatale. Accortosi di quanto era successo, era fuggito senza avvisare i soccorsi.

Rintracciato successivamente, l’uomo si era giustificato affermando che la morte era avvenuta per una caduta involontaria della sua compagna durante quelle fasi così concitate, ma il Tribunale distrettuale in primo grado gli aveva inflitto 15 anni di carcere per omicidio intenzionale, mentre il Tribunale cantonale nel marzo 2013 aveva allungato la pena di un anno.

Ora la decisione definitiva del Tribunale federale che ha confermato l’ultima condanna per omicidio intenzionale e interruzione della gravidanza. Una pena aggravata anche da una violenza carnale su un’altra donna nel 2007

Lascia un commento

Back to Top