HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsOmicidi in FamigliaTalwar Aarushi, condannati all’ergastolo i genitori

Talwar Aarushi, condannati all’ergastolo i genitori

di

La 14enne Aarushi Talwar fu uccisa nel 2008 con una coltellata mortale alla gola dai propri genitori, due ricchi dentisti indiani, che uccisero anche il domestico con la quale era stata “beccata”

Da quel duplice omicidio che sconvolse l’intero Paese sono già passati cinque anni e mezzo, e finalmente è stata fatta giustizia per le due vittime innocenti.

Quel 16 maggio del 2008, Aarushi Talwar fu scoperta insieme al domestico di 45 anni in atteggiamenti compromettenti, il papà colto dalla rabbia e dal rancore li uccise entrambi. Il corpo della giovane ragazzina venne trovato con una ferita alla gola e altre alla testa ed inoltre venne lasciata a morire nella sua camera da letto.

In un primo momento si pensò che l’omicidio di Aarushi Talwar venne portato al termine dal domestico, ma solo un giorno dopo il corpo di Hemraj venne ritrovato sul tetto della casa della famiglia Talwar con varie ferite da taglio alla gola e al cranio, proprio come Aarushi Talwar.

Venne così accusato e arrestato il padre di Aarushi che però venne scarcerato per mancanza di prove e così il caso venne archiviato perchè le prove non potevano incolpare nessuno.

Dagli stessi genitori, autori del delitto, partì la richiesta di riaprire il caso, ed infatti dopo aver ascoltato quasi un centinaio di testimoni, si è giunta alla fatidica conclusione. I Talwar sono i colpevoli dell’omicidio di Aarushi Talwar e del domestico.

Il padre di Aarushi Talwar avrebbe infatti colpito le due vittime con una mazza da golf per poi ucciderle con un bisturi ed infine, distruggere le prove degli omicidi.

talwar aarushi

I due coniugi hanno poi dichiarato di essere innocenti: “Siamo profondamente delusi, feriti e angosciati per essere stati condannati per un crimine che non abbiamo commesso”.

In India però, per questo tipo di condanne, non è prevista solo la reclusione. ma addirittura la pena di morte.

Lascia un commento

Back to Top