HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoOmicidi in FamigliaTania Clarence, soffoca i suoi tre figli disabili e tenta il suicidio

Tania Clarence, soffoca i suoi tre figli disabili e tenta il suicidio

di

Tania ClarenceLa 42enne Tania Clarence si è dichiarata colpevole per l’omicidio colposo dei suoi tre bambini che ha ucciso lo scorso aprile. La vicenda è avvenuta a Londra

I tre figli di Tania Clarence erano malati di atrofia muscolare spinale di tipo 2, una malattia degenerativa che lascia di solito chi ne soffre incapace di camminare o di stare alzato senza aiuto, ed è stato per questo che la donna ha deciso di ucciderli: “Ha ucciso i suoi tre figli perché voleva farli smettere di soffrire”, ha detto in aula la procuratrice Zoe Johnson.

La 42enne ha ammesso di aver soffocato la figlia Olivia di quattro anni e i gemelli Ben e Max di tre anni quando il marito era in visita da alcuni parenti in Sud Africa e ha poi sostenuto di essere incapace di intendere e di volere.

L’avvocato di Tania Clarence ha infatti dichiarato: “Occuparsi di tre bambini in queste condizioni era estenuante, stressante, debilitante, e che a lungo termine si è rivelato insostenibile.”

I corpi delle tre piccole vittime erano stati trovati in una pozza di sangue il 22 aprile accanto alla loro madre che ora è amaramente pentita di essere sopravvissuta e di aver ucciso i propri figli. A suo marito, noto banchiere di Londra, aveva infatti scritto una lettera: “Gary, non voglio essere salvata, per favore. Non posso vivere con l’orrore di quello che ho fatto e ho pensato che le pillole avrebbero funzionato, ma non è stato così.”

La donna dopo il triplice omicidio, aveva ritentato il suicidio: “E’ stato subito evidente che lei aveva cercato di suicidarsi, c’era del sangue sul suo polso”.

I vicini e i conoscenti hanno ricordato che la famiglia sembrava essere molto felice nonostante la disabilità dei bambini, ma tutto è scaturito dalla condizione di depressione di Tania Clarence, che esaminata dagli esperti, è stata definitiva come una anomalia mentale.

La sentenza del caso verrà letta il 14 novembre.

Lascia un commento

Back to Top