HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsTony Drago: indagati otto militari per nonnismo, è omicidio?

Tony Drago: indagati otto militari per nonnismo, è omicidio?

di

Importanti novità nel caso di Tony Drago, il militare che si sarebbe buttato dalla finestra. Il dubbio che si tratti di un omicidio è legittimo alla luce di quanto disposto dalla procura. Ben 8 commilitoni del 25enne sono finiti sotto accusa per concorso colposo il delitto doloso.

Tony DragoIl sostituto procuratore Alberto Galanti ha formulato l’ipotesi di reato di concorso colposo in delitto doloso nei confronti di 8 militari, commilitoni e superiori di Tony Drago, il 25enne morto in circostanze misteriose nella caserma dove prestava servizio. I familiari del giovane si erano opposti all’archiviazione del caso e negli scorsi giorni è arrivata la svolta tanto attesa. Come riporta Il Tempo, Tony Drago avrebbe pagato caro un episodio di nonnismo.

Era una domenica mattina di luglio di due anni fa, dopo il ritrovamento del corpo qualcuno iniziò a parlare di suicidio. Tony Drago e la fidanzata si erano lasciati da poco tempo ma la loro era stata una separazione quasi indolore, dunque non poteva essere stata la delusione a fargli venire in mente di compiere quel malsano gesto. Nemmeno la famiglia ha mai creduto a questa ipotesi perché il cadavere del caporale era in una posizione non compatibile con la caduta dal terzo piano. Nelle perizia del medico legale inoltre vi sono dei cenni ai segni sulla schiena e sul collo. Nel fascicolo esaminato dal procuratore ci sono anche le deposizioni dei commilitoni ascoltati il 6 luglio del 2014, tutte le testimonianze sono simili, nei verbali si leggono infatti alcune frasi: «moralmente abbattuto», «invitato a non rimanere in camera» e ancora «non aveva dato modo di pensare ad eventuali gesti estremi».

Il pm ora ha chiesto l’incidente probatorio per eseguire delle nuove perizie, il gip è chiamato a breve termine a valutare se è opportuno procedere in questo senso e fissare un’udienza. Uno degli obiettivi dei legali della famiglia è di valutare attentamente i segni sul corpo di Tony Drago. Come riporta Cronaca&Dossier, il 3 luglio del 2014, ovvero tre giorni prima della sua morte, il militare era andato a cena con amici, parenti e la cugina della sua ex fidanzata. Quando la ragazza si è avvicinata e gli ha messo una mano sulla spalla lui si è irrigidito, per la madre che ha riferito questa circostanza, non era imbarazzo ma è probabile che abbia sentito dolore perché quella sera tutti hanno visto i segni che aveva sul collo.

Lascia un commento

Back to Top