HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsTrovato in una pineta il cadavere di un uomo: ipotesi omicidio

Trovato in una pineta il cadavere di un uomo: ipotesi omicidio

di

cadavereIn una pineta di Ostia è stato trovato un cadavere in decomposizione. Per gli esperti il corpo senza vita dell’uomo potrebbe essere stato spostato in quella pineta dopo il presunto omicidio

Nella pineta di via Oletta ad Ostia nelle ultime ore è stata fatta una macabra scoperta. Il cadavere di un uomo di colore intorno ai 50 anni è stato trovato adagiato ed abbandonato su un letto di foglie. Come pubblicato da Affaritaliani.it, si tratterebbe probabilmente di un omicidio poichè il corpo, ben visibile dalla strada, non poteva trovarsi lì dal momento del decesso e dunque chiunque avrebbe potuto vedere nei giorni scorsi quel cadavere in decomposizione forse messo in via Oletta con lo scopo di farlo ritrovare. Secondo le prime ipotesi il delitto sarebbe avvenuto altrove ma per il momento non si hanno maggiori informazioni a riguardo.

A chiarire le cause della morte dell’uomo sarà invece l‘autopsia perchè a causa delle condizioni in cui versa il cadavere è stato possibile soltanto riconoscere una ferita visibile sul capo del cadavere. Ma a chi appartiene quel corpo senza vita? Gli esperti avrebbero trovato indosso all’uomo un tesserino della Caritas intestato ad un cittadino polacco. Data la zona in cui si spesso si rifugiano in ricoveri di fortuna diversi senzatetto del quartiere la vittima potrebbe dunque essere un senza fissa dimora che è stato ucciso nei giorni scorsi per qualche motivo che sarà ben presto scoperto.

Dopo la segnalazione sono intervenuti sul posto gli agenti della Polizia di Stato in servizio al Commissariato di Ostia che hanno trovato il corpo senza vita vestito con un jeans, una maglietta rossa e con le scarpe appoggiate al suo fianco.

Intanto gli esperti, che non hanno escluso alcuna ipotesi, continueranno a portare avanti le indagini in attesa di ulteriori riscontri per questo giallo di Ostia.

Lascia un commento

Back to Top