HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNon gli da la password di Facebook: uccide la fidanzata per gelosia

Non gli da la password di Facebook: uccide la fidanzata per gelosia

di

L’ennesimo dramma della gelosia ha avuto una vittima: lei si chiamava Laura Newman, ed abitava a Londra. A distanza di un anno il suo colpevole è stato finalmente arrestato. E’ stato, infatti, il suo fidanzato 34enne ad ucciderla.

kane boyceLaura Newman e Kane Boyce si erano conosciuti 7 mesi prima di quel tragico evento: un amore folle, passionale proprio come tutti i colpi di fulmini. Solo che la coppia decise di andare a convivere in pochi giorni. Se le cose, però, all’inizio sembravano procedere al meglio, poco dopo qualcosa si deve essere rotto.

Kane, infatti, aveva dimostrato a Laura la sua vera natura: violento, geloso e ossessionato dal controllo sulle sue fidanzate. Ecco perchè (e questo è emerso in tribunale), la giovane aveva deciso di lasciarlo, nonostante fosse ancora molto innamorata.

Kane, all’epoca della loro relazione, le aveva chiesto più volte la password di Facebook, ma lei ogni volta aveva rifiutato categoricamente. Anche quella sera lo fece, ma il 34enne reagì nel modo più volento possibile: la colpì in testa, e solo dopo alcune ore chiamò i soccorsi, dicendo che la fidanzata aveva avuto un incidente.

Dopo un anno di indagini, è emersa la verità: Kane l’aveva colpita per gelosia. Gli inquirenti, infatti, hanno portato in aula numerose prove concrete, tra le quali emerge il controllo ossessivo della segreteria telefonica di Laura, e i vari tentativi di accesso al suo account facebook.

Il tutto sarebbe avvenuto tra le 04.59 e le 06.20, mentre la segreteria risulta essere stata ricontrollata alle 06.54 e alle 7.00. In quel lasso di tempo, però, Laura non sarebbe stata in grado di farlo, in quanto le ferite riportate l’avevano tramortita.

Kane Boyce, dopo l’accusa ufficiale, sarebbe anche uscito dalla prigione di Londra dopo aver pagato una lauta cauzione. Subito dopo, però, non si sarebbe preoccupato di Laura, ma avrebbe solo acquistato un nuovo telefonino e si sarebbe iscritto ad un sito di incontri on line.

Insomma, un orrore senza fine, la cui vittima ora giace finalmente in pace.

Lascia un commento

Back to Top