HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoUccide la figlia di 21 mesi: “Non era una brava mamma, voleva venderla per la marijuana”

Uccide la figlia di 21 mesi: “Non era una brava mamma, voleva venderla per la marijuana”

di

Kathryn SmithHa ucciso senza alcuna pietà la sua figlioletta di appena 21 mesi. E’ per questo orribile motivo che una giovane mamma inglese è stata accusata e condannata per omicidio

Si chiama Kathryn Smith ed ha 23 anni la mamma accusata di aver ucciso la sua piccola bambina di quasi 2 anni. L’omicidio si è consumato il 1 maggio del 2014, quando la bimba venne trovava senza vita e con numerose ferite sul corpo, così tante da far ipotizzare in un primo momento ad una morte avvenuta a causa di un devastante incidente d’auto. La giovane mamma, già nota ai servizi sociali, che avevano deciso di affidare la sua bambina per un periodo di tempo ad un’altra famiglia, durante il processo, è stata accusata da un suo conoscente di non essere una brava mamma e soprattutto di essere stata l’autrice dell’efferato omicidio.

Dalle dichiarazioni dell’uomo spuntano rivelazioni che hanno lasciato tutti a bocca aperta. Kathryn in passato avrebbe addirittura deciso di vendere la figlia per poter acquistare della marijuana: “Non era una brava mamma. Trattava malissimo Ayeeshia: a volte sembrava che quella bimba fosse una cosa non voluta, un inconveniente. Una volta mi chiamò e mi disse se volessi comprare sua figlia: aveva bisogno di marijuana e voleva pagarla così. Quale genitore dice una cosa del genere riguardo a suo figlio?”.

La mamma killer potrebbe rimanere in carcere per tutta la vita, a peggiorare la sua posizione è stata proprio la testimonianza di quest’uomo, probabilmente ex compagno della donna: “E’ il male puro, nessuna punizione sarebbe abbastanza giusta e nulla porterà AJ indietro. Vivrò sempre lasciato con il senso di colpa per non essere stato in grado di proteggerla”.

Lascia un commento

Back to Top