HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiUcciso da 60 coltellate, arrestati due ventenni: “Non credo a quello che è stato detto”

Ucciso da 60 coltellate, arrestati due ventenni: “Non credo a quello che è stato detto”

di

giulia taesi e manuel rossiGiulia Taesi e Manuel Rossi sono stati arrestati per l’omicidio di Riadh Belkahala. I due avrebbero ucciso l’uomo per non saldare mille euro di debiti

Sono tutti sconvolti a Zocco di Erbusco, dove il 28enne Manuel Rossi vive con la madre. Il ragazzo è stato accusato insieme alla fidanzata, la 21enne Giulia Taesi, di aver tolto la vita a Riadh Belkahala, il 48enne trovato ormai cadavere nella sua auto con ben 60 coltellate inflitte sul corpo

La giovane coppia sarebbe stata incastrata da alcune immagini immortalate dalle telecamere di videosorveglianza, che avrebbero mostrato i due fuggire dal luogo dove è stato consumato l’atroce delitto. Tutti in paese conoscono Manuel, che nel frattempo si sarebbe assunto tutte le colpe dell’omicidio scagionando la sua fidanzatina, che per il momento resta ai domiciliari: “Ho fatto tutto da solo, lei non ha fatto nulla”.

Il delitto sarebbe probabilmente avvenuto dopo una lite con la vittima, la quale aveva venduto ai fidanzati circa mille euro di marijuana, cifra che i due non avevano ancora saldato.

La mamma di Manuel Rossi difende però il figlio: Da quando si è messo con Giulia, Manuel è radicalmente cambiato. Prima di incontrarla era sereno, mi parlava sempre del suo bar e dei progetti che aveva per sistemarlo e ingrandirlo: voleva compare tutto lo stabile. Da alcuni mesi, invece, aveva un comportamento strano, sembrava assente quando gli parlavi. Non credo a una parola di quello che è stato detto: Manuel non avrebbe mai fatto una cosa simile. Dicono che abbia confessato, ma secondo me lo ha fatto solo per proteggere le fidanzata. Manuel non aveva problemi di soldi, aveva appena fatto un tatuaggio da 2.000 euro, quindi trovo impossibile che abbia ucciso un uomo per 1.000“.

A parlare è anche un conoscente della famiglia Rossi: “Se mi avesse detto che aveva bisogno di soldi glieli avrei prestati io. Perché commettere una follia del genere? Sono allibito, la mamma è una donna squisita, sono molto addolorato per lei e per ciò che è successo”.

Fonte: Bresciatoday.it

Lascia un commento

Back to Top