HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiUltimissimeUcciso Carmine Lepre, fratello di un boss di camorra

Ucciso Carmine Lepre, fratello di un boss di camorra

di

Carmine LepreCarmine Lepre, pregiudicato e fratello di Ciro, boss del centro storico di Napoli, è morto in
un agguato avvenuto dopo la mezzanotte di ieri a pochi passi dalle vie del centro

Ennesimo omicidio di Camorra avvenuto ieri sera a Napoli a pochi passi dal centro cittadino. A finire sotto i colpi di arma da fuoco sparati dai sicari è stato Carmine Lepre, 57 anni, pregiudicato già noto alle forze dell’ordine per la parentela con Ciro Lepre, detto “‘o sceriffo”, boss del Cavone.

Il fatto si è verificato poco dopo la mezzanotte di venerdì 13 settembre tra via Salvator Rosa e via Francesco Saverio Correra.

Secondo le prime indagini condotte dalla squadra mobile di Napoli, ad agire sarebbero stati due sicari a bordo di una moto che hanno sorpreso Carmine Lepre alle spalle crivellandolo di colpi e uccidendolo praticamente sul colpo.

Nessun dubbio da parte della magistratura che l’omicidio è scaturito negli ambienti della criminalità organizzata, sia per il modus operandi adottato dai sicari, sia per la fratellanza di Carmine Lepre con Ciro Lepre, Boss di Camorra del centro storico, in regime di custodia cautelare in carcere ormai da due anni quando venne fermato con l’accusa di estorsione nei confronti di un imprenditore di nazionalità srilankese, regolare e da anni residente in Italia: Ciro aveva infatti preteso la tangente di “Pasqua”, ma fu sorpreso ed acciuffato in flagrante.

La preoccupazione degli inquirenti è che questo omicidio apra una nuova stagione del terrore, con numerose bande di giovani che sembra stiano tentando la scalata alla conquista del controllo dei traffici illeciti, a partire dal mercato della droga.

Solo poche settimane fa alcune bande di giovani avevano messo a segno dei raid armati in pieno centro. Delle vere scorribande di terrore eseguite per ricordare ai cittadini chi comanda e per mettere in allerta chi controlla la zona.

 

Lascia un commento

Back to Top