HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoNewsUcraina: ucciso Oles Buzina reporter filorusso
Oles Buzina

Ucraina: ucciso Oles Buzina reporter filorusso

di

Per il presidente russo Putin non ci sono dubbi, anche l’omicidio di Oles Buzina ha la firma della “nuova” Ucraina. Il reporter era noto per la sua ispirazione filorussa. Non si ferma la scia si sangue a Kiev dopo il cessate il fuoco.

Oles BuzinaAncora sangue a Kiev nonostante il cessate il fuoco. In sole 24 ore l’Ucraina è stato teatro di due omicidi politici. Ieri mattina, poco dopo le 13 è stato assassinato Oles Buzina. Il reporter era conosciuto per le sue idee filorusse e per essersi candidato con un partito pro Russao, ma non aveva ottenuto il seggio. L’annuncio dell’omicidio di Oles Buzina è stato dato da Putin che ha detto che c’è una lunga serie di omicidi simili in Ucraina per cui non si riescono a trovare i responsabili.

Oles Buzina era stato a lungo direttore del giornale Sevodnya di proprietà dell’oligarca Rinat Akhmetov, ma si era dimesso. Gli attivisti filo Kiev avevano accusato più volte il reporter del suo supporto ai separatisti. E’ stato ammazzato sotto casa da due uomini a bordo di un auto con volto coperto. Secondo alcune informazioni l’auto dei sicari aveva una targa lettone o bielorussa.

L’omicidio di Oles Buzina è avvenuto all’indomani di un altro brutale assassinio ai danni dell’ex deputato Oleg Kalashnikov che è stato vicino al presidente deposto Victor Yanukovych. Anche secondo il ministro dell’Interno Anton Herashchenko questi omicidi sono di matrice politica e possono essere ricollegati al ruolo che hanno avuto Buzina e Kalashnikov nel movimento di opposizione sviluppatosi in fase di formazione del nuovo governo.

Sorprende il silenzio dei media occidentali davanti a queste notizie, anche perché la Kiev democratica tenta con tutte le sue forze di entrare in Europa. Nella capitale ucraina si è consumato anche un terzo omicidio politico. Sergej Sukhobok è stato ucciso da un commando armato. L’uomo gestiva un sito internet e un piccolo giornale in cui sosteneva i ribelli del Donbass.

Lascia un commento

Back to Top