HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiUgo Tani, ucciso dal coinquilino. L’assassino confessa: “Sono stato io”

Ugo Tani, ucciso dal coinquilino. L’assassino confessa: “Sono stato io”

di

delitti.netUgo Tani, cuoco 56enne di Migliaro, è stato ucciso a colpi di mannaia da un giovane 22enne, Antonio Colopi, che in nottata avrebbe confessato di essere stato l’autore dell’omicidio

“Sì, sono io l’assassino che cercate”, è proprio pronunciando queste parole che Antonio Colopi avrebbe confessato. La confessione è arrivata in nottata, mentre il giovane veniva interrogato nella caserma dei carabinieri di Lanciano. Forse dalla troppa pressione data dagli inquirenti, il 22enne è scoppiato in lacrime ed ha raccontato la verità.

Colopi avrebbe detto di aver ucciso Ugo Tani, suo coinquilino, per legittima difesa: “Sono rientrato alle 9 e lui mi ha aggredito, impugnava una mannaia. Io l’ho disarmato e l’ho colpito, ma volevo solo difendermi”.

Poco dopo il delitto il 22enne, in preda al panico e al rimorso, è salito sull’auto di Ugo Tani, ha girovagato per ore fino a quando non ha imboccato l’autostrada per cercare di tornare nella sua città d’origine. Durante la fuga però, il ragazzo è stato chiamato dal suo avvocato, rintracciato dai carabinieri. Poco dopo Antonio Colopi si sarebbe costituito nella caserma più vicina, molto probabilmente convinto dal suo legale.

L’omicidio, secondo le prime ricostruzioni del caso, sarebbe avvenuto durante una furibonda lite, causata da motivi non ancora accertati. Ulteriori dettagli verranno fuori soltanto dopo le dovute indagini.

Lascia un commento

Back to Top