HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti dal mondoUSA: ragazza 16enne per non pagare una playstation usata uccide un ragazzo

USA: ragazza 16enne per non pagare una playstation usata uccide un ragazzo

di

Una trattativa tra ragazzi per la vendita di una playstation usata si trasforma in orrore

Daniel-John-ZeitzUna giovane ragazza americana di appena 16 anni voleva comprare una playstation usata così si è recata all’appuntamento con un giovane venditore trovato grazie ad un annuncio via internet con il suo figlioletto di 16 mesi.

All’appuntamento però si è portata anche una pistola e appena avuta in mano la playstation ha sparato a bruciapelo al ragazzo per non pagarla. La drammatica vicenda è accaduta in Georgia, un ragazzo di 28 anni Daniel John Zeitz mette in vendita su un popolare sito di annunci la sua vecchia playstation. RIsponde all’annuncio un ragazzo di 20 anni Nathaniel Vivian e si organizzano per la vendita, l’appuntamento è in un parcheggio di un centro commerciale.

I due ragazzi arrivano nel parcheggio per concludere l’affare, nella macchina di Nathaniel Vivian ci sono anche la sua fidanzatina sedicenne e il loro figlioletto di 16 mesi. Ad un certo punto Nathaniel Vivian cerca di strappare dalle mani di Daniel John Zeitz la playstation e di rubarla, il ragazzo però fa resistenza, così dall’auto esce la fidanzata sedicenne con una pistola in pugno e inizia a sparare.

Un colpo mortale al petto a Nathaniel Vivian che stramazza al suolo morto sul colpo, anche il fidanzato viene ferito dalla pallottola ad una mano. La polizia ha immediatamente arrestato la coppia e sono stati accusati di omicidio volontario.
Seppure minorenne la giovane sedicenne verrà processata come se fosse adulta, nel frattempo i servizi sociali hanno affidato il piccolo figlio ai parenti della ragazza.
La vittima, Daniel John Zeitz, era una celebrità nel mondo dei videogame e nel giro era conosciuto con il nickname di Phobos. Gli amici stanno in queste ore raccogliendo tramite una colletta online i soldi per il suo funerale.

Lascia un commento

Back to Top