HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiDelitti StradaliNewsVasto, le drammatiche immagini dell’incidente in cui è morta Roberta Smargiassi

Vasto, le drammatiche immagini dell’incidente in cui è morta Roberta Smargiassi

di

In questi giorni ha fatto tanto discutere l’omicidio di Italo D’Elisa, il giovane ucciso da Fabio Di Lello, rimasto vedovo dopo un incidente stradale causato proprio da Italo, il quale ha investito ed ucciso la moglie dell’uomo la scorsa estate

La colpa di Italo D’Elisa è stata quella di causare un incidente che poteva essere evitato. Il giovane la scorsa estate ha travolto ed ucciso Roberta Smargiassi, la quale si trovava a bordo del suo scooter.

E’ stato proprio quell’incidente a cambiare per sempre la vita di tre persone: Roberta, che aveva saputo da poco di essere incinta, non c’è più; il marito Fabio Di Lello ha vissuto giorni pieni di dolore, mentre Italo D’Elisa si è ritrovato improvvisamente ad essere prima l’autore di un delitto stradale, poi la vittima di un tragico omicidio. D’Elisa è stato infatti ucciso per vendetta nei giorni scorsi da Fabio Di Lello, che non riusciva più a sopportare la perdita della moglie, cadendo nella depressione, nel dolore e in un baratro infinito.

Tutto per un incidente che è stato ripreso dalla telecamera puntata sull’incrocio tra corso Mazzini e viale Giulio Cesare a Vasto. Il tutto dura pochi attimi, ciò che bastano per distruggere la vita di Roberta e non solo.

Sono le ore 23.45 del 1 luglio 2016. Roberta Smargiassi, come si vede dai fotogrammi, arriva con il suo scooter da via Giulio Cesare, mentre Italo D’Elisa arriva a bordo della sua auto dal Corso Mazzini. La donna vede il semaforo verde e passa tranquillamente, ma nello stesso istante sopraggiunge l’auto del giovane, che passa invece con il rosso. La violenta collisione è impossibile da evitare: Roberta infatti, viene completamente travolta dall’auto dell’investitore e muore a causa dei gravi traumi riportarti.

Ecco i fotogrammi dell’incidente, pubblicati da Ilcentro.gelocal.it:

 

Lascia un commento

Back to Top