HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsVeronica Balsamo, i dubbi degli inquirenti sulla tragica morte

Veronica Balsamo, i dubbi degli inquirenti sulla tragica morte

di

Sempre più avvolta nel mistero la vicenda di Veronica Balsamo, la ragazza caduta da un dirupo a Grosotto. Il fidanzato Emanuele Casula non chiarisce molti punti e gli inquirenti lo iscrivono nel registro degli indagati

veronica-balsamoUna coppietta di fidanzati che all’ora del tramonto e precismente alle 20 decidono di andare alla chiesa di Roncale proprio sopra il bosco di Grosotto per godersi un panorama mozzafiato e trovare qualche momento di intimità. Qualche momento di relax dal lavoro. Veronica Balsamo ha 23 anni e lavora in Svizzera come cameriera, Emanuele ne ha invece 18 ed è un apprendista saldatore.

Ecco sembrerebbe una scena come tante, la tenerezza di un amore giovanile vissuto in libertà da tutto e da tutti.
Sabato 23 agosto qualcosa però cambia per sempre. Gli abitanti di Roncale sentono un boato provenire dalla strada ed immediatamente si precipatano fuori, c’è un auto capovolta, uscita fuori strada che ha fatto un gran botto.

E’ ad appena trecento metri dalla chiesa, riversa su un prato. Le persone si avvicinano a quel SUV per prestare soccorso, ma stranamente dal lato della guida esce un ragazzo è Emanuele Casula che inizia a correre e a scappare da quel campo, correndo a più non posso senza dire nulla.
Emanuele Casula, dopo quella folle corsa, raggiunge il bar dove è solito trascorrere il suo tempo libero. Ci sono gli amici ma lui è agitato, confuso, ha diverse escoriazioni sul corpo e una ferita al capo. Racconta dell’incidente, del suo suv andato fuori strada, ma non racconta altro. Gli amici lo accompagnano a casa non sanno però che Veronica Balsamo è precipata da un dirupo ed è morta dopo un volo di cinque metri.
Emanuele Casula non lo ha raccontato, resta confuso e annebbiato e parla a fatica.

Veronica Balsamo, la sua fidanzata, è morta e come accerterà l’autopsia i segni sul quel corpo sono compatibili con una caduta da un burrone. La profonda ferita al capo è certamente da attribuire all’urto con un masso.
Ma nonostante questo, la vicenda ha un alone di mistero e il sospetto è che quella caduta possa non essere frutto solo della fatalità.
Manca in questa storia un fotogramma, quello dove si vede la povera Veronica Balsamo cadere dal dirupo.
Emanuele Casula è stato più volte ascoltato dagli inquirenti ma non ricorda nulla, neanche che quella sera era con la sua fidanzata, sembra sotto shock. Gli inquirenti hanno disposto anche degli esami tossicologici per capire se i due giovani fossero sotto l’effetto di qualche droga.

Le ipotesi non sono molte, Veronica Balsamo potrebbe essere uscita dal suv e stordita aver perso l’equilibrio, oppure qualcuno l’ha spinta fin laggiù, o ancora è stata solo una tragica fatalità.

Bisogna partire da alcuni dati certi, Emanuele Casula è appena diciottenne e non ha ancora la patente, da poco ha preso il foglio rosa eppure si mette alla guida del SUV della fidanzata forse per correre e cercare aiuto dopo la sciagura che è capitata alla fidanzata.

Le indagini condotte dal magg. Pier Enrico Burri si stanno svolgendo senza sosta e si attendono alcuni esami su dei reperti che vengono definiti interessanti.
Si è anche ipotizzata una correlazione con un aggressione avvenuta la stessa sera ai danni di un uomo, Roncale è una piccola comunità dove episodi di violenza si possono contare con il contagocce, percui questa anomala sequenza potrebbe anche nascondere una relazione tra i due episodi.

Nel frattempo a Emanuele Casula è stato notificato un atto per l’iscrizione nel registro degli indagati. Dovrebbe essere un atto tecnico in modo da consentirgli di nominare un difensore e un consulente che hanno assistito all’autopsia. Ma il condizionale in questi casi è d’obbligo.
Se le indagini dovessero portare ad una svolta clamorosa, ovvero accertare che Veronica Balsamo è stata gettata in quel dirupo sarebbe naturale individuare in Emanuele Casula il primo indiziato, in quanto è la persona che per ultimo ha visto in vita Veronica Balsamo.
Gli amici che hanno accompagnato Emanuele Casula a casa quella sera, hanno raccontato che il ragazzo appena rincasato si è messo a letto e che in casa non c’era nessuno. I genitori già da qualche tempo erano andati in vacanza in Sardegna. Una zia, che abita nelle vicinanze, dopo poco va a casa del ragazzo, lo prende e lo porta a dormire a casa sua.
Nel frattempo a Roncale, gli abitanti hanno allertato la polizia per quello strano incidente. La pattuglia scopre che all’interno di quell’auto capovolta ci sono i documenti di Veronica Balsamo all’interno di una borsetta e così in breve tempo risalgono anche all’identità del ragazzo, che verrà poi convocato in caserma la domenica mattina.
il corpo di Veronica Balsamo giace però ancora nel dirupo, verrà rinvenuto solo alle prime ore del mattino grazie ad alcuni amici che avevano lanciato l’allarme sulla scomparsa della ragazza.

Lascia un commento

Back to Top