HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiVeronica Panarello ignora Loris il giorno del suo compleanno

Veronica Panarello ignora Loris il giorno del suo compleanno

di

Veronica Panarello non ha speso nemmeno una parola per il suo bambino in quello che sarebbe stato il giorno del suo compleanno. Il 18 giugno il papà Davide Stival gli ha scritto una lettera molto toccante mentre la donna è rimasta in silenzio. Si tratta dell’ennesimo atteggiamento sospetto della 26enne ragusana.

Loris: mamma esce da Questura, affranta e sorretta da marito«Sono innocente, non sono stata io ad uccidere il mio bambino». Sono queste le parole che Veronica Panarello continua a ripetere da mesi. Eppure la giovane mamma di Santa Croce Camerina, nel ragusano, è dietro le sbarre da dicembre, accusata di aver ucciso il piccolo Loris Stival di 8 anni, strangolandolo. Il 18 giugno, Loris avrebbe spento 9 candeline e il padre gli ha scritto una bellissima lettera. Veronica invece è rimasta in silenzio, mostrando un comportamento alquanto sospetto. L’ennesimo.

Tuttavia, Veronica Panarello non è l’unica persona della sua famiglia ad avere atteggiamenti ambigui. Negli scorsi giorni la sorella Antonella ha fatto sentire nuovamente la sua voce: «Penso che nell’omicidio di Loris lei c’entri qualcosa… ma questa è solo la mia opinione». Parole forti quelle di Antonella, come l’accusa a pochi giorni dall’arresto: «Voglio dire a mia sorella di parlare. Se quella maledetta mattina è successo qualcosa, deve dirlo. Io non andrò mai in carcere a trovarla perché ho paura della reazione che potrebbe avere». Eppure in carcere ci è andata, ma Veronica Panarello le ha negato la possibilità di incontrarla.

Gli indizi contro Veronica sono tanti, ma la famiglia non vuole accettare la realtà. É stata davvero lei a strangolare il piccolo Loris la mattina del 29 novembre 2014? Presto sapremo se i giudici terranno conto delle contraddizioni della donna nell’eventualità che venga sottoposta a processo. Intanto Davide Stival ha preferito prendere le distanze da tutto e da tutti intervenendo raramente in pubblico e affidando il suo pensiero al legale che lo assiste. L’avvocato Daniele Scrofani aveva consigliato ai parenti di Veronica di non rilasciare dichiarazioni pubbliche perché potevano peggiorare le cose, ma evidentemente hanno agito di testa loro.

Per quanto riguarda le indagini, si attendono ancora i risultati dell’analisi delle telecamere che hanno ripreso l’auto di Veronica vicino al luogo dove è stato ritrovato il corpo di Loris che, secondo l’autopsia, è stato strangolato tra le 8.30 e le 10.00 e gettato privo di vita nel canale.

Lascia un commento

Back to Top