HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
Delitti ItalianiVincenzo Mango, aiutò il clan Belforte per l’omicidio di Ciro Salzano

Vincenzo Mango, aiutò il clan Belforte per l’omicidio di Ciro Salzano

di

E’ stato inviato un ordine di carcerazione per concorso in omicidio emesso il 15 marzo 2013, dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli, per Vincenzo Mango che per l’omicidio di Ciro Salzano agevolò e aiutò l’organizzazione mafiosa del clan Belforte

Il 45enne Vincenzo Mango è nato a Recale, ma dopo l’omicidio di Ciro Salzano, cercò di cambiare vita trasferendosi a Modena. Successivamente alla sentenza definitiva, che lo vedeva coinvolto insieme ad altri membri del clan Belforte nel delitto commesso, decise di rifugiarsi in Albania, dove grazie ad alcune conoscenze aveva trovato lavoro come falegname.

L’Albania però non gli ha permesso di sfuggire nè alla sentenza nè alla giustizia italiana, dato che è stato ritrovato solo dopo pochi mesi grazie al Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia, che ha subito avviato la procedura di arresto e la sua estradizione dall’Albania.

vincenzo mangoVincenzo Mango insieme a Cuccaro Domenico, Raucci Antonio e Anziano Giovanni,  nel 2000 attirarono in un tranello Ciro Salzano, che mirava a sostituire il ruolo di capo zona a San Nicola la Strada e San Marco Evangelista, che all’epoca era stato preso dal pregiudicato Cangiano Michele, che a sua volta venne ucciso da Salzano.

Ciro Salzano insieme a Vincenzo Mango e gli altri componenti del clan, detti i Mazzacane, si recarono presso il mattatoio di Caserta, dove appena scesa dall’auto, la vittima venne uccisa con un colpo di pistola da Domenico Cuccaro, in modo tale da non dargli la possibilità di poter prendere il ruolo di capo zona al posto di Cangiano.

Vincenzo Mango e Anziano Giovanni, si allontanarono dal luogo del delitto con la macchina di Salzano per incendiarla.

Le indagini iniziarono subito dopo l’omicidio, tanto che fu possibile anche grazie alle riprese di una videocamera di sorveglianza, una perfetta ricostruzione dei fatti, dove era evidente anche la presenza di Vincenzo Mango durante l’assassinio.

Oltre a Vincenzo Mango che dovrà scontare una pena di 18 anni e 8 mesi, sono stati condannati anche Anziano, Cuccaro, Buttone Bruno e Froncillo Michele che invece furono i mandanti dell’omicidio.

Lascia un commento

Back to Top