HOME | Redazione | Contattaci
Delitti.net
NewsVittorio Matarazzo: il killer ha citofonato? Le telecamere lo hanno ripreso

Vittorio Matarazzo: il killer ha citofonato? Le telecamere lo hanno ripreso

di

Vittorio Matarazzo, ingegnere di 51 anni, è stato ucciso a Napoli nel quartiere Chiaia. L’assassino ha citofonato e gli ha chiesto di scendere?

vittorio-matarazzo-omicidioVittorio Matarazzo è stato ucciso nell’androne del palazzo dove abitava con la sua famiglia, nel quartiere Chiaia a Napoli. Le indagini proseguono senza sosta e non sono ancora emerse delle novità. La prima ricostruzione si concentra sui dissidi famigliari che avrebbero spinto Vittorio Matarazzo a presentare un esposto in Procura in merito a delle questioni legate all’eredità del padre morto due anni fa. Gli inquirenti però non lasciano nulla al caso anche se la pista principale porta all’omicidio per motivi personali. Come riporta Fanpage.it, una persona ha avvicinato un giornalista della testata online piuttosto arrabbiata per tutto quello che si sta scrivendo su questa controversa vicenda.

Intanto è stata eseguita l’autopsia sul cadavere della vittima, Matarazzo è stato pestato e il killer ha inferto diverse coltellate alle spalle e al torace, quella fatale alla carotide. L’arma del delitto non è ancora stata trovata, gli inquirenti hanno rovistato a lungo nei cassonetti dell’immondizia. Nella zona sono presenti delle videocamere di sorveglianza e i filmati sono stati già acquisiti. Pare che abbiano ripreso la dinamica dell’omicidio, ma il killer era voltato di spalle e indossava un casco semi integrale. L’unico dettaglio a disposizione degli inquirenti è il mento.

Il killer di Vittorio Matarazzo conosceva benissimo i movimenti dell’ingegnere. L’omicidio è avvenuto poco dopo il suo rientro a casa, aveva parcheggiato e si apprestava a prendere l’ascensore. Dunque non è vero che l’assassino ha suonato al citofono e gli ha chiesto di scendere. Purtroppo a quell’ora anche il portiere era andato via. Esclusa infine la rapina, tutti i soldi erano nel portafogli.

Lascia un commento

Back to Top